Premio Combat Prize

Jessica Iapino - Premio Combat Prize

OPERA IN CONCORSO | Sezione Video

 | ALL I WISH FOR YOU IS ME

ALL I WISH FOR YOU IS ME
dvd hd
26:00”

Jessica Iapino

nato/a a Roma
residenza di lavoro/studio: Roma, ITALIA


iscritto/a dal 09 apr 2019

http://www.jessicaiapino.com


visualizzazioni: 433

SHARE THIS

Altre opere

 | Previous. To the source.

Previous. To the source.
dvd hd
42:36”

 | Baptism (extract)

Baptism (extract)
dvd hd
2:30”

 | AUTOVIOLATIONPRIVACY, “SSS” - Stivale, Sardegna, Sicilia, 2018, Una Vetrina, The Independent, Fondazione MAXXI

AUTOVIOLATIONPRIVACY, “SSS” - Stivale, Sardegna, Sicilia, 2018, Una Vetrina, The Independent, Fondazione MAXXI
file
0:28”

Descrizione Opera / Biografia


Sinossi:
One Day
All I Wish for you is Me
L’uso del teatro, detto in musica, cantato a film.
In un Teatro i suoni, le voci, le azioni, i costumi, il back stage di nuovo i costumi ma non il trucco. Stiamo assistendo a delle prove. Ogni numero richiama l’idea di teatrodanza attraverso il mezzo cinematografico. Azioni in loop eseguite in luoghi di Roma tra Villa Borghese, Piazza di Spagna e Ponte Sant’Angelo riflettono l’essenza del lavoro di Pina Bausch. Interpreti che non conoscono riposo. Una “fatica” del corpo sta per esasperazione oltre le nostre energie quotidiane. Uno scontro tra il corpo e noi stessi nella realtà. Una prova generale della vita stessa metafora di uno spettacolo… fantasma.
scritto e diretto da Jessica Iapino
featuring: Elena Giulia Abbiatici | Ugo Benini | Michelle D’Altrorio | Melissa Lohman | Federico Longo | Emanuele Lucas | Jacopo Rocco | Loredana Ruggieri | Nicolas Thirion (sound) | Lea Tania Lo Cicero (vocals) | Lord Wiader (bucket drums)
Biografia:
Jessica Iapino nata il 14 Ottobre 1979 a Roma dove vive e lavora. Diplomata alla Marymount International School continua i suoi studi presso la A.U.R. American University in Rome. Il suo lavoro parte da un’analisi introspettiva con uno sguardo alla società contemporanea. Ritraendone gli aspetti più semplici, più umani. Attraverso una filosofia di pensiero in costante “costruzione-costrizione”. Inizia la sua sperimentazione con il video, fotografia e installazione. L’esigenza del mezzo filmico diventa un aspetto importante nel suo lavoro; considerato come mezzo più incorporeo e quindi “leggero”.
Dal 2004 al 2006 esordisce con due personali: “HERO” Galleria Arturarte e “EDEN” presentata al MLAC Museo Laboratorio di Arte Contemporanea, Roma. Nel 2007 Gemine Muse mostra curata da Antonio Arèvalo intitolata ”Le Jeu de l’Hombre” (lo sviluppo delle virtù cortesi) con un intervento site-specific nel Museo Napoleonico Roma. Nel 2008 la personale “bring me back_HIGH” a cura di Alessandro Facente, L’Union arte contemporanea co-prodotta con la fondazione VOLUME! e nel 2009 presenta una personale dal titolo “LOVERKILLERLOOP” Dora Diamanti Arte Contemporanea Roma. Partecipa a numerosi Film & Video Festival in Italia e all’estero tra cui l’Optica Festival Gijon 2008; candidata al “Optica Award” per Artisti Indipendenti, Gijon, Madrid e Parigi. A settembre del 2009 partecipa alla XIV Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo: SKOPJE gates BIENNALE 2009, Repubblica di Macedonia, dove si classifica al primo posto nella selezione “immagini in movimento”. Nel suo lavoro comincia a prevalere l’idea di evoluzione filmica. Considerando il concetto di Cinema come “mezzo” e non come “industria”. Nel aprile 2010 è tra i finalisti nella categoria “corti italiani” del RIFF Rome Independent Film Festival IX edizione. Nell’ottobre 2010 presenta ”Previous. To the source.” all’interno del progetto “Another_Fiction” a cura di Antonio Arèvalo nella galleria V.M.21. Nel Marzo 2011 presenta alla X° edizione del RIFF Rome Independent Film Festival il cortometraggio ”Il Quarto Ordine” nella sezione sperimentale del Festival.
Nel 2013 alcuni dei suoi autoritratti sono stati pubblicati nel libro fotografico “Il Corpo Solitario” del critico d’arte Giorgio Bonomi tra artisti più importanti dal calibro di Cindy Shermann, Andy Warhol, Li Wei, Francesca Woodman e giovani artisti emergenti. A giugno del 2015 una collettiva dal titolo “So Strong 1.5” nella Galleria torinese Riccardo Costantini Contemporary con opere di Andy Warhol e Carol Rama.
Nel 2016 completa la produzione del cortometraggio “One Day All I wish for you is Me” girato in parte al Teatro Valle Occupato e Piazza di Spagna. Un omaggio al teatro danza con uno sguardo all’essenza del lavoro di Pina Bausch presentato in anteprima nella Fortezza Spagnola, Argentario Toscana. Nel 2018 presenta “AUTOVIOLATIONPRIVACY” mostra personale a cura di Lori Adragna con un percorso di opere site-specific nello spazio Interno 14, Roma. A maggio 2018 una nuova versione della performance “SSS” - Stivale, Sardegna, Sicilia a “Una Vetrina” nel progetto “The Independent” della fondazione MAXXI.