icon-ititaicon-enengicon-dedeuicon-frfraicon-esesp

FaceBookTwitterOpere Bookmark and ShareAddThis

OPERA IN CONCORSO  Sezione Pittura

Giorgio Gozzi | banco del falegname
vedi ad alta risoluzione

banco del falegname
olio, tela
50x70

Giorgio Gozzi

nato/a a: San Giovanni Bianco

residenza di lavoro/studio: Seriate (ITALIA)

iscritto/a dal 16 apr 2013

Altre opere

Giorgio Gozzi | scarpulì

vedi ad alta risoluzione

scarpulì
olio, tela
50x70

Giorgio Gozzi | vecchio scarpone

vedi ad alta risoluzione

vecchio scarpone
olio, tela
24x30

Giorgio Gozzi | pegno d’amore

vedi ad alta risoluzione

pegno d’amore
olio, tela
30x40

Descrizione Opera / Biografia


Giuseppe Verdi diceva “Tornate all’antico e sarà progresso”. Ed ecco rappresentato, tramite la bellezza e la creatività dell’arte pittorica, il banco da lavoro di un falegname. Gli strumenti dell’artigiano plasmano il legno, ricavandone nuove forme: da un ceppo di duro legno, con le braccia immobili lungo il corpo, si scorge la figura, appena abbozzata, ma chiara e lineare, di Pinocchio. I colori ad olio corrono sulla tela creando un’atmosfera di struggente nostalgia. E già pare di sentire l’odore del legno appena tagliato...
Giorgio Gozzi nasce il 3 novembre 1975 a San Giovanni Bianco (BG).
Dopo aver frequentato le scuole elementari e medie a Valnegra (BG) si iscrive al Liceo Artistico Statale di Bergamo, dove termina gli studi nel 1993.
Nel 1997 si diploma presso l’Accademia delle Belle Arti di Bergamo con specializzazione in Restauro, Design, Fotografia, Mass Media, Pedagogia, Fenomenologia dell’Arte Contemporanea, Teoria del Colore e Metodologia della Progettazione.
Nel 1998, al termine del servizio di leva, si arruola nella Polizia di Stato, dove presta tuttora servizio.
Pittore poliedrico, ama destreggiarsi fra le diverse forme dell’arte come la pittura, la scultura, il restauro e l’aerografia.
La sua tematica si sviluppa soprattutto nelle ben costruite nature morte, in cui il colore è esaltato in tutta la sua gioiosa pienezza, per cadere talvolta in toni quieti, sommessi, che danno al dipinto un’atmosfera di struggente nostalgia che tesse di dolcezza i ricordi che le immagini evocano.
Il suo percorso artistico si arricchisce, nel corso degli anni, grazie alla realizzazione di Trompe l’Oeil di grandi dimensioni e di affreschi.
Compatibilmente con gli impegni di lavoro, che lo portano spesso in giro per l’Italia, partecipa a numerose mostre ed iniziative, tra le quali si annoverano Roma 09.12.2010 - 08.01.2011 AD MAIORA! Mostra Collettiva d’Arte Contemporanea e Bergamo 11.03.2010 - 14.03.2010 ARTE IN DIVISA - Mostra D’Arte pittorica, scultorea, fotografica e letteraria c/o l’ex Ateneo di Città Alta.