OPERA IN CONCORSO | Sezione Disegno

 | Casa mia

Casa mia
acquaforte, maniera al sale e fondino (carta giapponese) su zinco, carta hahnemmuhle
50x70

Costanza Lettieri

nato/a a Livorno
residenza di lavoro/studio: Firenze, ITALIA


iscritto/a dal 05 mag 2020


Under 35

https://www.costanzalettieri.com


visualizzazioni: 605

SHARE THIS

Altre opere

 | Pinacoteca

Pinacoteca
acquaforte, acquatinta e fondino (carta giapponese) su zinco, carta hahnemuhle
50x70

 | Collezione

Collezione
acquaforte, acquatinta e fondino (carta giapponese) su zinco, carta hanhemuhle
50x70

Descrizione Opera / Biografia


”Una casa trasparente”
Casa sua è trasparente e si trova sulla cima dei pensieri.
Da tutta la vita raccoglie momenti.
Ha una pinacoteca di vecchi affetti e una cantina di amori mai nati.
Conserva gelosamente un seme di felicità.
E’ piccolo ma basta per una vita intera, dice.
Colleziona rimpianti sotto una teca di vetro.
Li annaffia con cura,
assicurandosi che crescano lenti e ben consapevoli.
Ha creato un’essenza che odora di abbracci sinceri,
ne spruzza un po’ ogni volta che si sente solo.
Casa sua io non l’ho mai vista, è trasparente, così come il suo animo. Però ha finestre che restano sempre aperte e pare che qualche fortunato, uno che passava di lì ogni giorno,
sia riuscito a scorgere qualcosa, come una luce dentro.
-
”Casa mia” è la prima opera della serie ”Una casa trasparente”, un ciclo di incisioni calcografiche che fanno riferimento ad una ”collezione privata” di stati d’animo.
-
Costanza Lettieri nasce a Livorno nel 1994. Nel 2016 si laurea in Arti Visive presso la LABA di Firenze. Successivamente frequenta il Master in illustrazione Editoriale Ars in Fabula 2016-17 (Macerata). Nell’Ottobre 2017 vince la borsa di studio “Fabbrica Makers” presso i laboratori del Teatro dell’Opera di Roma, dove lavora come scenografa realizzatrice. Tra 2017 e 2018 si specializza in Animazione Stop Motion presso lo IED di Roma e nel 2018 espone alla 36° mostra internazionale dell’illustrazione (Sarmede). Nel 2019 vince il concorso “Buffetti Calendart 2020” e realizza le illustrazioni del calendario dell’azienda. Nell’estate 2019 torna ai laboratori del Teatro dell’Opera per realizzare i fondali dello spettacolo “Waiting for the Sybil”, sotto la regia di William Kentridge. Sempre nel 2019, grazie all’assegnazione di una borsa di studio della Fondazione Livorno, Costanza si specializza in grafica d’arte presso ”Il Bisonte” (Firenze), dove attualmente lavora come assistente.
-
La mia formazione - accademica e di tradizione toscana - resta sottesa al mio lavoro: i riferimenti sono sempre classici. Bronzino, in particolare, è l’artista con il quale mi confronto per la progettazione dell’immagine. Come maestri spirituali - per tematiche e atmosfere - ho invece i simbolisti.
Attraverso l’illustrazione descrivo un mondo celato, una realtà straniante che parla un linguaggio fiabesco. Fulcro del mio lavoro è l’equilibrio instabile che si definisce tra reale e fantastico, tra buffo e drammatico. Camminando in bilico fra questi due mondi costruisco un varco, da cui entrare e uscire, per descrivere quello che vedo.
Un racconto visibile di un universo intimo e surreale.