icon-ititaicon-enengicon-dedeuicon-frfraicon-esesp

FaceBookTwitterOpere Bookmark and ShareAddThis

OPERA IN CONCORSO  Sezione Pittura

Gaetano Valentino | Automotive bla bla bla
vedi ad alta risoluzione

Automotive bla bla bla
olio, tela pieraccini su telaio a cassonetto
140 x 190 x 8

Gaetano Valentino

nato/a a Marcianise

residenza di lavoro/studio: Marcianise (ITALIA)

iscritto/a dal 09 mag 2015

Altre opere

Gaetano Valentino | No labels . . . . . No life for sale

vedi ad alta risoluzione

No labels . . . . . No life for sale
olio, tela pieraccini su telaio a cassonetto
80 x 190 8

Gaetano Valentino | L’agonia del primo amore

vedi ad alta risoluzione

L’agonia del primo amore
olio, tela pieraccini su telaio e cornice
80 x 120 x3

Gaetano Valentino | J’aime la femme

vedi ad alta risoluzione

J’aime la femme
olio, tela pieraccini su telaio e cornice
80 x 100 x 3

Descrizione Opera / Biografia


Mensione Speciale BeneBiennale Benevento
Valentino rappresenta le sue riflessioni attraverso un uso caratteristico del colore, con campiture nette e definite, impeccabili.
Le sue opere sono la trasposizione di profonde meditazioni sui problemi odierni e di esperienze emotive che lo hanno segnato.
Il pittore indaga sulla perdita di un rapporto equilibrato con ciò che ci circonda, cerca l’invisibile attraverso elementi noti e attuali.
Il mito diventa emblema di un’alchimia, ovvero la trasformazione dei processi soggettivi in eventi di natura immaginale, in frammenti di verità o denuncia che prendono forma dall’anima.
Nelle sue metafore descrive il proprio percorso conoscitivo ed emotivo, ruotando intorno all’opposizione della vertigine del tempo, dei cambiamenti sociali e del quotidiano, ricordando la triade lacaniana di reale-simbolico-immaginario.
Dott.essa Giuliana Iannotti.
Finalista Premio Pigafetta 2013
Mensione speciale Biennale Benevento 2013
Vinitore Premio Iside Pietrelcine 2014
Premio della Critica Caudium Festival Art Sant’Agata dè Goti Maggio 2015
Descrizione dipinto
E’ la nostalgia prevale come conseguenza di ciò che un tempo gli Operai erano:Forti e vigorosi come l’uomo coniato sulle vecchie lire . . . . . intendo a battere il ferro sull’incudine;
Trainanti l’economia come una locomotiva a vapore . . . . . . saldamente incollata ai suoi binari;
Orgogliosi della Produttività . . . . . della mitica 500 e del suo motore in cui tutti potevano mettere mano.
E adesso . . . . . sembra che tutto sia cambiato.Bla bla bla . . . . . e ancora bla bla bla . . . . . e di seguito Automotive bla bla bla.
I Politici blaterano confusamente a destra e a manca . . . . . . parlano di NOI promettendo ripresa e stabilità.
E in questa incertezza cresce . . . . . . la consapevolezza di quello che oggi gli Operai percepiscono nell’anima: Licenziati . . . . . simili ad un pesciolino fuori dal mare che annaspa le pinne . . . . solo numeri;Cassa Integrazione . . . . . simili ad un paperino che dà fondo ai risparmi di una vita per arginare la crisi . . . . . confusi.
E la semplice donna casalinga al centro della tela con mani congiunte e volto sospirante verso ipotetiche Fabbriche in produzione . . . . . sogna la ripresa, la stabilità.
orse è lei che più di ogni altro avverte il disagio e cerca di far quadrato in questo clima di sconforto.
La crisi provoca un UNSAFE ACT
Piccola Poesia che ho scritto da cui nasce l’ispirazione per il dipinto
Arranco
E or son fuor
come il pesce dal mar
Annaspo le pinne
al sogno del vivere
Sento la sabbia
che scivola via
Sono Operaio
Arranco la vita
G. Valentino