icon-ititaicon-enengicon-dedeuicon-frfraicon-esesp

FaceBookTwitterOpere Bookmark and ShareAddThis

OPERA IN CONCORSO  Sezione Pittura

Giovanni Battista Mattu | Scaricabarile
vedi ad alta risoluzione

Scaricabarile
tecnica mista, tela di sacco su m.d.f.
80x70

Giovanni Battista Mattu

nato/a a Fonni (Nu)

residenza di lavoro/studio: Alghero (ITALIA)

iscritto/a dal 05 mag 2014

http://www.giannimattu.it

Altre opere

Giovanni Battista Mattu | Dialoghi tra generazioni

vedi ad alta risoluzione

Dialoghi tra generazioni
tecnica mista, tela di sacco su multistrato
100x100

Giovanni Battista Mattu | La fionda

vedi ad alta risoluzione

La fionda
tecnica mista, tela di sacco su m.d.f.
60x50

Giovanni Battista Mattu | I cavallini di canna

vedi ad alta risoluzione

I cavallini di canna
tecnica mista, tela di sacco su m.d.f.
60x80

Descrizione Opera / Biografia


Gianni Mattu è un artista robusto che fugge dalla facile improvvisazione e al contempo si concede al suo estro creativo.
La pianificazione, la progettualità, l’osservanza del disegno niente tolgono alla immediatezza e alla freschezza del segno, alla purezza delle linee, alla forza della materia, all’equilibrio tonale.
I tratti, i volumi, le masse, anche se racchiusi dentro schemi accurati, contribuiscono all’attuazione di un unico esteticamente piacevole, gratificante e significativo che, interagendo singolarmente con lo spazio, corre ad assorbire l’esterno verso l’infinito.
E spazio e luogo si danno appuntamento in una Sardità ancestrale e contemporanea espressa nella insistente ricerca della somiglianza nei ritratti, nelle notti delle sacre processioni narrate dalle torce, nelle giovani isolate e protette dal grave costume, nelle corse impolverate dell’Ardia, in cui la simbiosi tra cavallo e cavaliere è totale come tra la devozione e il santuario.
Ma forse le tele di Gianni Mattu sono soltanto un pretesto per liberare nel colore e nella luce, riscoperti dai macchiaioli e dagli impressionisti, un’isola interiore di picchi innevati, di castagni in fiore, di valli sognate, di calure estive, di tramonti marini, un mondo di solitudine, ricchissimo e represso, come si conviene ad un autentico sardo.
E’ proprio nel rapporto spaziale tra materia ed io, orchestrato dalla spatola come su uno spartito, che l’opera di Gianni Mattu assurge alla dimensione più autentica e più autorevole per approdare con slancio vitale all’incontro naturale e armonico tra forma e materia, tra anima e corpo.
Mario Nieddu