Premio Combat Prize

Sonia Riccio - Premio Combat Prize

OPERA IN CONCORSO | Sezione Pittura

 | Black / White 1

Black / White 1
acrilico e olio, tela
200x150 cm

Sonia Riccio

nato/a a Pozzuoli (NA)
residenza di lavoro/studio: Pozzuoli, ITALIA


iscritto/a dal 10 apr 2019

http://www.sonia-riccio.com


visualizzazioni: 427

SHARE THIS

Altre opere

 | Untitled Black 7

Untitled Black 7
acrilico e olio, tela
100x150 cm

 | Untitled

Untitled
acrilico e olio, tela
100x100 cm

Descrizione Opera / Biografia


Sonia Riccio nasce a Pozzuoli il 30 Giugno 1976, Città dei campi Flegrei, in cui vive la sua infanzia e compie il suo percorso artistico. 
Segni che tracciano lo spazio come solchi impressi nella tela, traiettorie che si diramano oltre il tempo e il luogo alla ricerca delle origini. Un percorso tra luce e ombra, in cui il segno diviene strumento d’indagine convulsiva. 
”Non si può discendere due volte nel medesimo fiume e non si può toccare due volte una sostanza mortale nel medesimo stato ma, a causa dell’impetuosità e della velocità del mutamento, si disperde e si raccoglie, viene e va”. Il principio eracliteo del  πávτa ƥεĩ (tutto scorre) costituisce un raffronto particolarmente appropriato per una ricerca che, come quella di Sonia Riccio, sembra trarre alimento primario dalla profonda immersione nella fenomenologia di un reale esperito come campo di forze in perpetuo disequilibrio e consequenziale divenire. Una modalità che, se per un verso dimostra sorprendenti congruenze con i presupposti concettuali e gli esiti formali del Barocco, dall’altro persegue una stringatezza assai distante dall’immaginario connesso a tale epoca e maniera. La superficie del quadro appare infatti concepita alla stregua di un palcoscenico (un’arena, avrebbe scritto Harold Rosenberg) ove il flusso continuo della natura si manifesta tradotto, in virtù del filtraggio compiuto dall’apparato psico-fisico dell’artista, nell’organicismo di circumvoluzioni pittoriche dall’andamento tutt’altro che estraneo alla tradizione barocca, ma il poverismo cromatico (prettamente il nero, che è un non colore, qualche volta il bianco, che è la somma di tutti i colori), approdo finale di un complesso lavorio di riduzione che ha richiesto anni, parla un linguaggio di tutt’altro segno. Sembra testimoniare un’ impostazione etica, di cui si fa riflesso la configurazione estetica che, in tempi di crisi economica, ma anche di incipiente esaurimento delle risorse naturali, si dimostra quanto mai felice, preconizzando un paradigma sociale ove la sobrietà, in quanto ricetta per una più generalizzata vivibilità, ma anche occasione per una riscoperta dell’autenticità del quotidiano, assurga a principio cardine. Il tutto si fonda, a ben vedere, su di una struttura marcatamente bipolare: nero e bianco, ma anche piano e volume, opaco e brillante, uniforme e variabile. Un rapporto dialettico risiede alla base del tentativo stesso di visualizzare il transeunte, autentico esito dell’intero procedimento della Riccio. Un’impresa che, nella sua volontà di bloccare ciò che non esiste se non nel tempo, di congelare l’attimo, ma senza che venga obliterato il prima e il dopo, possiede il fascino e la complessità dell’aporia. D’altronde la negazione, ci insegna Hegel, è la molla della vita.