OPERA IN CONCORSO | Sezione Video

 | Paesaggi dell’anima

Paesaggi dell’anima
1 monitor/display oppure 1 video proiettore.
00:03:00

Nadia Musmeci

nato/a a Catania
residenza di lavoro/studio: Acireale, ITALIA


iscritto/a dal 25 apr 2022

https://nadyxr8.wixsite.com/nadiamusmeci


visualizzazioni: 117

SHARE THIS

Descrizione Opera / Biografia


Il video “Paesaggi dell’anima”, realizzato in collaborazione con le colleghe Silvia Di Bella, Tiziana Corsaro, ed ulteriori competenze esterne, nasce dalla volontà e dal desiderio di indagare sulla relazione tra uomo e paesaggio. L’ambiente che ci circonda al suo variare modifica le nostre sensazioni, stimolando diverse percezioni; al contempo, ognuno di noi, con le proprie esperienze e il proprio vissuto può interpretare il paesaggio in un suo stato interiore. Nella vita quotidiana, l’essere umano è sottoposto a rapportarsi con l’ambiente esterno, a osservare diversi paesaggi, a viaggiare con il corpo, noi vorremmo che il fruitore viaggiasse anche con la mente per riflettere su ciò che osserva e su come ciò che lo circonda possa influenzarlo emotivamente.
Il video propone la visione di diversi paesaggi (urbani e naturali) i quali acquisiscono un valore simbolico: altro non sono che “paesaggi dell’anima”.
L’utilizzo del bianco e nero è dettato da una consapevole scelta stilista, oltre che estetica. Metaforicamente suggerisce la condizione di buio e luce: il buio di chi non osserva, non coglie, non percepisce, ignora e la condizione di luce di chi osserva ciò che lo circonda e ciò che ha dentro, condizione di sapienza e conoscenza. La traccia audio inedita dal titolo “Sky” è concepita come un suono astratto, ipnotico e ripetitivo, che ha il compito di rapire totalmente l’attenzione del fruitore, confonderlo, destabilizzarlo per poi ricondurlo alla realtà. Le voci narranti, hanno lo scopo di evocare immagini e sensazioni, queste ripetono la frase “se il sentimento fosse un paesaggio quale sarebbe” in diverse lingue, ovvero italiano, inglese, francese, tedesco. Infine, le frasi della poetica, da me interamente inscritte, appariranno in conclusione del video. Ognuno leggerà per sé stesso, ognuno coglierà il suo senso dal paesaggio, vivendo un momento di quiete, dopo essere stato investito da immagini, suoni ed emozioni.
Nadia Musmeci nasce a Catania nel 1986. Nel 2016 consegue il Diploma Accademico di I° Livello indirizzo “Nuovi Linguaggi della Pittura” presso l’Accademia di Belle Arti di Catania con una tesi in Installazioni Multimediali. Nel 2019 porta a compimento gli studi artistici conseguendo il Diploma Accademico di II° Livello indirizzo “Fotografia” presso l’Accademia di Belle Arti di Catania. Attualmente svolge il ruolo di cultrice della materia Installazioni Multimediali e Videoinstallazione presso l’Accademia di Belle Arti di Catania.
Centro di interesse dei suoi studi sono le arti visive. Durante il suo percorso sperimenta vari mezzi comunicativi ed espressivi, per mescolare media differenti come la fotografia, la videoarte, la scultura e multimedialità. È interessata alla progettazione di spazi installativi dove i diversi media interagiscono tra loro per creare cortocircuiti sinestetici. Nella sua poetica, le ricerche espressive portano ad interrogarsi sullo spazio, sul territorio, sulle strutture ambientali e umane. I suoi paesaggi non sono altro che paesaggi dell’anima, di una società alienata e persa alla ricerca di senso e di un approdo possibile.
Tra le esperienze artistiche più significative si segnalano: partecipazione al Concorso Nazionale “Premio Claudio Abbado” Roma - 2015, 2° classificata nella sezione d’intervento “Installazioni Multimediali” con il progetto multimediale di gruppo “Paesaggi dell’Anima” e la partecipazione al “19° concorso internazionale Scultura da vivere”, Fondazione Peano - Cuneo 2015.