OPERA IN CONCORSO | Sezione Fotografia

 | Le antenne di Tangeri guardano il mare (1/12)

Le antenne di Tangeri guardano il mare (1/12)
collage fotografico, carta fotografica
50x70

Monica Carrera

nato/a a Orzinuovi (Bs)
residenza di lavoro/studio: Flero (Bs), ITALIA


iscritto/a dal 26 mar 2020

https://monicacarrera.blogspot.com


visualizzazioni: 225

SHARE THIS

Altre opere

 | Le antenne di Tangeri guardano il mare (2/12)

Le antenne di Tangeri guardano il mare (2/12)
collage fotografico, carta fotografica
50x70

 | Le antenne di Tangeri guardano il mare (3/12)

Le antenne di Tangeri guardano il mare (3/12)
collage fotografico, carta fotografica
50x70

 | Le antenne di Tangeri guardano il mare (4/12)

Le antenne di Tangeri guardano il mare (4/12)
collage fotografico, carta fotografica
50x70

Descrizione Opera / Biografia


Questo lavoro fa parte di una serie di dodici collage fotografici. Essa nasce durante un soggiorno a Tangeri, sullo stretto di Gibilterra (le antiche colonne d’Ercole) a soli trenta chilometri di mare dalla Spagna. Così vicina all’Europa ma irrimediabilmente separata. La sera il vento porta le voci di Tarifa, in lontananza se ne vedono le luci, ma gli abitanti sanno benissimo di potervi accedere esclusivamente con un visto (giornaliero o più esteso, ma pur sempre a scadenza). L’Europa e la sua ricchezza balugina loro di fronte e scarica frotte di turisti per la gita giornaliera nella kasbah. La medina è stretta, arroccata e colpisce per la quantità enorme di antenne paraboliche che la avvolge, quasi un muro di orecchie che le fa da scudo. Esse sono lo strumento attraverso il quale il mondo occidentale la raggiunge. Per contro, sono rimasta estremamente colpita dalla quantità di gente che semplicemente sosta e guarda il mare. Sono immagini statiche, di tempi sospesi, di ascolti, di sintonizzazioni altre. Antenne inanimate e antenne animate. Ecco che il mare non è solo distanza da attraversare, ma anche distanza tra la realtà di un mondo e la sua rappresentazione fittizia.
I collage sono stati realizzati sovrapponendo le due immagini: sopra l’immagine della città, in cui è stata ricavata fisicamente (ritagliandola) una finestra da cui si affaccia l’immagine delle persone che guardano il mare. Sono state utilizzate due carte fotografiche diverse per accentuare ulteriormente il contrasto: carta fine art matte per il paesaggio, carta fotografica opaca per le persone che guardano il mare.
STATEMENT:
Lavoro con la fotografia, scatti miei o photo trouvèe, immagini sottratte all’oblio o all’indifferenza. Ma la fotografia stessa non è il mio fine, quanto piuttosto il mio punto di partenza. A partire da essa, realizzo collage, operazioni di editing accostando o raggruppando immagini, le cucio, le taglio, le rompo.
I temi che mi sono più cari sono i confini, lo spostamento, la costrizione e l’altro.
Della fotografia sono in particolare interessata alla sua dimensione fisica, mi interessa in quanto oggetto; in quanto “reale” che però grazie a meccanismi di interpolazione meccanica (taglio, ritaglio, cucitura, assemblaggio) viene catapultato nell’immaginario.
Lavorare sull’immagine stampata significa per me creare un altro reale, dargli un’altra lettura, un’altra possibilità. Amo definire il mio approccio come concettuale caldo, che del concettuale mantiene il rigore, la serialità, la modularità ma lo definisco caldo perché la finalità è spesso immaginifica.