OPERA IN CONCORSO | Sezione Scultura/Installazione

 | futuro semplice

futuro semplice
mista, legno, ferro, cemento
23x23x48

Mauro Pinotti

nato/a a Vigevano
residenza di lavoro/studio: Vigevano, ITALIA


iscritto/a dal 02 mar 2020

https://mauropinotti.com/


visualizzazioni: 250

SHARE THIS

Descrizione Opera / Biografia


MAURO PINOTTI
“Casamenti pallidi che si danno le spalle in prati ispidi, tra steccati di tavole e tettoie in lamiera. Ogni tanto ai margini della strada un infittirsi di costruzioni dalle magre facciate, alte alte o basse basse come in un pettine sdentato, sembrano indicare che di là in poi le maglie della città si restringono”.
da “Le città continue. 5”, Italo Calvino, “Le città invisibili”
Il “Futuro semplice” di Mauro Pinotti, realizzato in ferro arrugginito e cemento, con i suoi edifici fitti, si presenta come una città impenetrabile, chiusa ed eterna, deserta di ogni presenza umana. Perfettamente allineati in blocchi di casermoni o arroccati su alture improbabili, gli edifici di Pinotti sono corrosi dal tempo, mangiati dalle intemperie a cui, nonostante tutto, resistono.
“Vincitore della medaglia d’argento al Moscow international Foto Awards MIFA 2017, finalista in più concorsi internazionali d’arte contemporanea, YICCA Contest, premio LYNX, e SEE ME exposure award, quest’ultimo trova il compiacimento di essere stato selezionato per catalogo presentato all’Exposure Award Reception del Louvre a Parigi. Nel 2015 è stato selezionato con il lavoro fotografico ”13Re” ( in questo caso lo sviluppo del progetto era nato intorno ad una tematica sociale sui nuovi poveri) per esporre alla Biennale D’arte Contemporanea Italia-Cina tenutasi presso il Mastio della Cittadella a Torino L’opera e’ stata esposta anche a Roma presso l’Archivio Centrale dello Stato e ha trovato collocazione anche alla collettiva d’arte ”Social Act” curata da Fortunato D’Amico e Chiara Milesi presso ex Palazzo Coin di Vigevano dove ha esposto nel dicembre 2015. Ricevuto la menzione d’onore al Moscow international Foto Awards MIFA 2016 e al Black and white Award 2016, esposto a PECHINO alla Biennale d’arte Contemporanea Italia Cina presso Plastik Factory Cultural Park. Sempre nel 2016 selezionato per il premio Lynx ed esposto nella sala degli archi di Livorno e a Zagabria presso la Galleria Zvonimir. Menzione d’onore al MONOCHROME AWARDS 2018 Fine Art, selezionato in URBAN ANIMALS – 2018, realizzato il ritratto di S C U L T U R E V E S T I T E D I S T E F A N O B R E S S A N I © per il catalogo 2019, sempre nel 2019 finalista al premio Linx con esposizioni al MIIT (Museo Internazionale Italia Arte) a Torino, selezionato al Vernice Art Prize con esposizione nel BUNKER di Villa Caldogno, esposto a PARATISSIMA con curatela di Erika Lacava, finalista nel concorso urban ed esposto ai Trieste Photo Days e a Viecha Bratislava. Nel 2020 vincitore del concorso NEW-POST PHOTOGRAPHY? Organizzato dal MIA photo fair. I suoi progetti si sviluppano principalmente nell’ambito sociale attraverso una conoscenza diretta e personale delle problematiche che intende far conoscere attraverso una visione critica e oggettiva ma di semplice comprensione.
Lo scopo principale dei suoi lavori è mettere a conoscenza le persone di quelle realtà considerate ingiustamente minori ma che riguardano tutti noi.