Premio Combat Prize

Maria Chiara Maffi - Premio Combat Prize

OPERA IN CONCORSO | Sezione Fotografia

 | I have brown eyes

I have brown eyes
fotografia digitale, stampa fine art con cornice
30x40 cm

Maria Chiara Maffi

nato/a a Bergamo
residenza di lavoro/studio: Milano, ITALIA


iscritto/a dal 17 mar 2019


Under 35

http://https://mariachiaramaffi.myportfolio.com/


visualizzazioni: 254

SHARE THIS

Descrizione Opera / Biografia


Descrizione Opera: Viviamo in un mondo dove l’apparenza è tutto, in cui l’abito diventa la carta d’identità di una persona e la moda uno status symbol.
Il progetto si compone di sette fotografie dal primo al settimo giorno, un’intera settimana ed il soggetto indossa sempre una nuova camicia.
Queste camicie vintage trasferiscono alle immagini una sospensione temporale.
Attraverso la piega della stampa fotografica vengono nascosti i volti della persona ritratta. ”I have brown eyes” è l’informazione mancante che ritrae ironicamente una società che tende a dimenticare l’essenza umana.
Biografia: Maria Chiara Maffi nasce a Bergamo nel 1992.

Consegue il diploma in economia e lingue a Treviglio (Bg) e parallelamente scopre la sua reale passione: La fotografia. Nel 2013 frequenta il corso di fotografia all’Istituto Europeo di Design a Milano. Successivamente, lavora per un anno e mezzo come assistente fotografa in un’agenzia di comunicazione milanese. Vince una borsa di studio presso l’Istituto Raffles Moda e Design di Milano e consegue un Master in fotografia diretto da Denis Curti. Realizza il progetto fotografico “Genera-azioni” sulla città di Milano. Prende parte a mesi di workshop con Giovanni Gastel, Matthias Harder, Margaret Courtney-Clarke e Aida Muluneh. A Giugno 2018 espone il progetto “Quarantacinque” nella mostra “The Embarrassment Show” curata da Erik Kessels, presso O’ gallery (Milano).

Nel 2018 è stata pubblicata con tre fotografie del progetto “(S)Oggetti” sulla rivista
“The Fashionable Lampoon” (Issue14). Nel 2018 vince il PHOTOLUX di Lucca come miglior portfolio con conseguente intervista e pubblicazione sul sito Amica.it