Premio Combat Prize

Marco Poma - Premio Combat Prize

OPERA IN CONCORSO | Sezione Grafica

 | Espansione

Espansione
acquaforte - acquatinta, carta hanenmule 300 gr.
70x70

Marco Poma

nato/a a Chivasso
residenza di lavoro/studio: Chivasso, ITALIA


iscritto/a dal 13 apr 2019


Under 35

https://www.instagram.com/marcopoma_art/


visualizzazioni: 451

SHARE THIS

Altre opere

 | Monòlito

Monòlito
acquaforte - acquatinta, carta hanenmule 300 gr.
70x45

 | Scissione

Scissione
acquaforte - acquatinta, carta hanenmule 300 gr.
70x45

 | Cella

Cella
acquatinta, carta hanenmule 300 gr.
50x50

Descrizione Opera / Biografia


Opera:”Espansione” è un’opera realizzata attraverso un’incisione ad acquatinta e acquaforte su lastra di zinco. L’opera rappresenta una serie di cubi posti in prospettiva centrale che si dissolvono nella profondità del nero. La scomparsa degli elementi genera un’incomprensione della genesi e del termine dei solidi. Le figure sono caratterizzate da una struttura geometrica, che però esprime una profonda fragilità grazie alla craquelè, tecnica che caratterizza gran parte della mia produzione artistica. Questi cubi sono come tasselli di materia che, generati nel loro spazio, formano elementi solidi come le strutture che ci circondano, raggiungendo poi uno stato in cui dimostrano la loro fragilità, fino a sgretolarsi.
Biografia: Sono un artista specializzato nella tecnica dell’acquaforte e dell’acquatinta. Ho iniziato il mio percorso artistico frequentando il liceo artistico e in seguito mi sono laureato in Grafica all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino. Nel 2017 ho svolto un anno di Erasmus all’Università Politecnica di Valencia, dove ho potuto esplorare nuove culture artistiche e praticare nuove tecniche scultoree e grafiche. Lavoro principalmente su matrici di zinco, su cui esprimo la mia arte attraverso intensi contrasti e prospettive. Utilizzo in particolare una speciale tecnica di incisione chiamata “craquelè”, con cui creo segni irregolari e naturali che conferiscono una strutturalità realistica. Con l’acquatinta creo invece la profondità, grazie alle differenze tonali del nero. Le mie opere sono generalmente un mix di architetture minimali con alcuni riferimenti al metafisico. Per realizzare i miei lavori utilizzo, in fase progettuale, programmi di graphic design, per poi trasferire l’idea sulla lastra di zinco. In questo modo creo una combinazione tra digitale e tradizionale, cercando di rinnovare questa tecnica antica.