OPERA IN CONCORSO | Sezione Video

 | The clouds in Florence Academy

The clouds in Florence Academy


JUNHUI FANG

nato/a a CINA
residenza di lavoro/studio: Firenze, ITALIA


iscritto/a dal 30 mag 2020


visualizzazioni: 62

SHARE THIS

Altre opere

 | The clouds in Florence Academy

The clouds in Florence Academy


 | The clouds in Florence Academy

The clouds in Florence Academy


 | The clouds in Florence Academy

The clouds in Florence Academy


Descrizione Opera / Biografia


Io sono appassionato di fotografia naturalistica e amo ricercare la bellezza all’interno della natura. Sopra ogni cosa, però, amo le nuvole e i riflessi. Le nuvole sono un simbolo emblematico del mondo naturale e il riflesso è un fenomeno particolare che crea una sensazione di pace, in accordo con l’idea di relazione tra l’interpretazione della natura e la conoscenza del proprio io umano, tipica del buddismo Chan. Il mio intento è di raccontare proprio questa armonia tra uomo e natura, nella speranza che possa indurre anche altre persone ad amarla proteggerla.
La nuvola è fatta principalmente in PVC e all’interno ho posizionato dei LED di diverso colore. L’interno della nuvola ospita anche degli altoparlanti che riproducono suoni tipici di belle giornate e di giornate piovose o di temporale. Da sotto la nuvola scendono dei tubi fissi dotati di LED che emettono luci per imitare la caduta della pioggia. Con una telecamera posta in un angolo immortalo l’incontro fra il pubblico e la nuvola, che gli osservatori possono poi scaricare come immagine o clip video. In questo senso, tra la nuvola e il pubblico nasce un’interazione. A terra ho allestito un bacino d’acqua in cui le nuvole si specchiano. Inizialmente ho utilizzato uno specchio, ma l’effetto dell’acqua è più naturale. Questo riflesso rappresenta la relazione che c’è tra l’interpretazione della natura e la conoscenza di noi stessi.
La realizzazione del video è avvenuta in 4 fasi:, la prima consiste nella misurazione delle dimensioni degli spazi dell’Accademia di Firenze; la seconda fase è la progettazione in 3D; la terza fase è l’acquisizione di immagini con 3D-MAX; la quarta fase l’integrazione in un filmato di 4000 immagini.
Ho scelto l’Accademia di Belle Arti di Firenze come spazio espositivo per via del sentimento che mi lega a questo luogo e perché voglio avvicinare professori e studenti al tema della natura. È responsabilità di ogni artista conoscere e salvaguardare l’ambiente naturale.
L’Accademia di Firenze è un logo pubblico, dove studenti e professori passano le loro giornate, un luogo a me familiare. Inoltre, spero che in futuro avrò modo di realizzare un’opera ancora più realistica ed esporla sempre all’interno degli spazzi dell’Accademia.