Premio Combat Prize

JUAN LORENZO MURATORI - Premio Combat Prize

OPERA IN CONCORSO | Sezione Pittura

 | FUCK - OFF!: credo nella mia unicità

FUCK - OFF!: credo nella mia unicità
mista, legno
189x85 cm

JUAN LORENZO MURATORI

nato/a a Mendoza Argentina
residenza di lavoro/studio: Domagnano, SANMARINO


iscritto/a dal 12 apr 2019


visualizzazioni: 121

SHARE THIS

Altre opere

 | 5J7A5424 (Concorso)

5J7A5424 (Concorso)


 | 5J7A5425 (Concorso)

5J7A5425 (Concorso)


 | 5J7A5420 (Concorso)

5J7A5420 (Concorso)


Descrizione Opera / Biografia


DESCRIZIONE OPERA: Questo è il nono di una serie di dodici dipinti, esposti con il titolo ”Considerar”. ”Fuck off!” esprime emozioni di rabbia e avversione verso le produzioni in serie della società industrializzata, rivendicando il diritto alla creazione artistica nell’affermazione dell’unicità di ogni opera, data dalla completa libertà nell’uso dei colori e delle tecniche. Ha utilizzato acrilici, smalti sintetici, smalti ad acqua e juta, su un pannello di pioppo, la cornice è di abete. Le tecniche sono svariate: spatolato, decoupage, crachelato, decapè, ...
BIOGRAFIA: Juan Lorenzo Muratori, argentino d’origine, è nato nel 1982 nella città di Mendoza, ai piedi della cordigliera delle Ande, dove visse per 22 anni. Varie forme d’arte hanno attirato la sua attenzione fin da bambino, poiché lo trasportavano al di fuori della normalità del quotidiano. Passava le ore affascinato ad osservare le persone che lavoravano con le mani: suo nonno e suo zio che restauravano auto d’epoca nell’officina sotto casa, sua madre che faceva decoupage, gli artigiani per strada con ogni tipo di invenzione. Ed iniziò così a sperimentare all’età di 8 anni cambiando colore alla sua bicicletta. In seguito una delle sue prime passioni fu restaurare vecchie moto, delle quali si divertiva a ricercare i pezzi mancanti in giro per i quartieri della provincia mendozina. Successivamente passò a recuperare ogni tipo di oggetto vecchio e trasformarlo, dandogli nuova vita, utilizzando diversi tipi di materiali, da un mobile ad una tela bianca. Per lui “arte” è l’espressione tangibile di un’emozione, che gli spettatori possono liberamente considerare ed interpretare. Ogni suo pezzo è unico, in quanto non crea oggetti in serie, poiché utilizza materiali di recupero che ha a sua disposizione sul momento. È molto curioso e sperimenta sempre nuove tecniche, spingendosi oltre i parametri con la libertà di mettere in tutto il proprio stile personale.