Premio Combat Prize

Gianni Depaoli - Premio Combat Prize

OPERA IN CONCORSO | Sezione Scultura/Installazione

 | The Other Skin

The Other Skin
mista, pelli di platessa, acciaio, osso, resina., acciaio, resina, pelle
200x 50 x 120

Gianni Depaoli

nato/a a Ivrea
residenza di lavoro/studio: Candia Canavese, ITALIA


iscritto/a dal 24 mar 2018

http://www.giannidepaoli.it


visualizzazioni: 303

SHARE THIS

Altre opere

 | The Other Skin (particolari)

The Other Skin (particolari)
mista, pelli di platessa, acciaio, osso, resina., acciaio, resina, pelle
200x 50 x 120

 | Ijmuiden Port

Ijmuiden Port
mista, legno, organico., legno, organico
300x200x220

Descrizione Opera / Biografia


Gianni Depaoli è nato a Ivrea il 04 marzo 1961, vive e lavora a Candia Canavese. Ha creato mostre e installazioni che testimoniassero il degrado ambientale e la violenza sugli animali attraverso mostre itineranti sostenute da musei e da enti istituzionali: iniziative note con il nome di Mare Nero Museo di Bergamo, Allarme Ambiente Genova Museo di Scienze, Torino Museo A come Ambiente, Museo Garda Ivrea, Marineland Antibes e progetti itineranti rappresentati da installazioni, Anime Silenziose inaugurato all’ Acquario civico di Milano, Verso il Quinto mondo Paratissima Torino, Oceaniche Alchimie Biennale Italia -Cina Torino.
La nuova ricerca sviluppata con l’ uso di inchiostri e pelli di cefalopodi lo porta ad indagare la materia per scoprirne bellezza e trasparenza, abbandonando ma non dimenticando i drammi precedentemente trattati. Questo nuovo studio dona vita allo scarto organico, viene invitato alla Galleria d’Arte Moderna di Genova Nervi per la personale “Rossomare” all’ Ambasciata Italiana a Montecarlo con l’ opera in permanenza “Prede e Predatori”, al progetto EkoVespa Project in permanenza al Museo Piaggio di Pontedera. Nel 2017 la ricerca della forma, del colore e della trasparenza lo porta ad un nuovo studio, la pittura materica diventa ancora più raffinata e ricca di colori naturali, con il progetto Abissi di Rosso Calamaro indaga il noto e l’ ignoto con abissi e meandri sospesi nel vuoto, viene invitato ad esporre al Mauto con “Eko500Project” in occasione del 60° anno della Fiat 500, al Macist di Biella, al A.I.I.D. di Bologna e altri enti istituzionali
Si interessa di arte, filosofie e bellezze naturali e artificiali.