OPERA IN CONCORSO | Sezione Pittura

 | Routh I

Routh I
olio e matita, carta
100 x 70

Enzo Casale

nato/a a Monte San Biagio
residenza di lavoro/studio: Roma, ITALIA


iscritto/a dal 26 apr 2022

http://www.enzocasale.com


visualizzazioni: 44

SHARE THIS

Descrizione Opera / Biografia


La ripetizione sistematica della stessa immagine fatta per l’ultima mostra personale “One Woman Show” mi ha portato a sperimentare nuovi modi di dipingere alla ricerca di nuove forme, nuovi segni e nuovi materiali. Dipingo usando il tramite dello chiffon, filtro tra colore e pennello e tela. La leggerezza, l’impalpabilità, la trasparenza di quel tessuto, (residuo dell’altra mia passione - la moda) è il diaframma tra la mia volontà e la realtà del dipinto, quello che resta al termine sulla tela, appare come un’essenza purificata. Sì perché, solo quando rimuovo il tessuto, si svela una figura visivamente sbiadita e scolata ma psicologicamente aggregata che solletica la memoria, a cominciare dalla mia. Il resto del colore rimane sullo chiffon, è come se quest’ultimo filtrasse la sofferenza e diventasse l’altra faccia del ritratto, quello in cui i contorni si perdono e le macchie si allargano per mostrare la trasparenza più intima. La forma e il colore sullo chiffon non sono statici, variano per condizioni di luce, colori, oggetti circostanti e posizione di chi guarda. Ho provato a staccare il quadro dal muro. Girandoci intorno continua a cambiare forma e colore, una continua apparizione e sparizione alla ricerca di una identità che continua a perdersi, variare e ritrovarsi. Non esiste più il davanti o il dietro, il dritto e il rovescio, sono vite parallele che non si incrociano ma sono così vicine che quasi si sfiorano, in un perenne divenire. La riflessione su trasparenza e leggerezza mi ha portato a ricercare forme più rarefatte e liquide dove la presenza umana, nella forma e nel colore, non è straripante ma parte integrante e integrata della natura che lo circonda. La sirena vuole essere l’emblema della liquidità, dell’indefinito, dell’unicità di ogni singolo, al di sopra di ogni distinzione di genere, di razza ma è anche l’invito a rintracciare le proprie origini di animali inseriti nel contesto naturale. Una nuova generazione “liquid” capace di conformarsi alla natura e non di prevaricarla, capace di scardinare regole e dogmi e non assumerli in maniera acritica. Nei miei lavori la matita, il colore, le strisce di chiffon, il ricamo formano righe verticali o orizzontali, griglie che ricordano una gabbia, una prigione per esorcizzare il mio disagio claustrofobico. Breath è stata una riflessione continua soprattutto negli ultimi due anni.
Bio
Vivo e lavoro a Roma. Ho frequentato liceo artistico, Accademia di Belle Arti, indirizzo Pittura e Accademia di Costume e Moda. Dopo diverse esperienze lavorative nella moda sono tornato ad occuparmi a tempo pieno di pittura. Sono ritratti in primo piano con un solo soggetto alla volta, escludendo qualsiasi interpretazione narrativa, essa trapela solo dagli sguardi intensi dei soggetti. Con un segno avvolte energico e possente, altre più delicato e morbido, voglio sottolineare che il mondo non si divide in maschile e femminile, ma che esiste anche un vasto ventaglio di possibilità di vivere la propria sessualità fuori da queste due categorie. Da sempre attratto dalla figura umana prediligo una figurazione sottoposta a un processo di reinterpretazione, di deformazione che appartiene alla cultura dell’informale europeo.
SELECTED SOLO EXHIBITIONS
2019 - “One Man show” a cura di Alberto Dambruoso – Sala da Feltre – Roma
2014 - “Ritratti” - “Portico Scalco” – Monte San Biagio
2011 - “Corazze” (Co-razze) - Salone Monumentale Palazzo Baronale – Fondi (LT)
2006 - “Sguardi” – a cura di Lino Fiore “Giudea Quattrocentesca di Fondi” – Fondi
2005 - “Sguardi Quotidiani” a cura di Floriana Tondinelli – Roma
SELECTED GROUP EXHIBITIONS
2021 - Artkeys prize – Castello Angioino – Aragonese - Agropoli
2021 - Geni Comuni da Warhol a Schifano a cura di Roberto Sottile – Museo del Presente - Rende
2021 - Human Rights? @work – a cura di Roberto Ronca – Museo Della Campana - Rovereto
2018 - “Mostra De Santis” – Castello Baronale - Fondi
2017 - “Trascendenze –BoCs8 – Atelier villaggio globale – Rome art week
“Tiny” a cura di Susan Moore – Temple University - Roma
2015 - United Factories” – Villa Rescalli Villoresi” Busto Garolfo (MI)
“Wunderkammer” - Museo Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona - Rende (CS)
2014 - “On the Appian way” Bi-personale con la scultrice Raimonda Guida – Monte San Biagio
2012 - “Human Right 2012?” - a cura di Roberto Ronca Museo della Campana – Rovereto
“Human Right 2012?” - a cura di Roberto Ronca - Castello Acaya – lecce
2010 - “Mostra Internazionale Cinema GLBT – galleria Artevision – Torino
- “Mostra Internazionale Cinema GLBT – galleria Artevision – Napoli
2009 - “A Better Word” – Galleria Infantellina – Berlino
“4Your Eyes & not only” - Galleria Infantellina _ Berlino
2008 - “Human Right” a cura di Roberto Ronca – Seterie di San Leucio (CE)
“Biennale Arti Unità d’Italia” a cura di Paolo Feroci (Premio Pittura) San Leucio (CE)
2007 - “The Odyssey Within” a cura di Angela Di Bello – Agora Gallery – New York
RESIDENCIES
2015 - Residency BoCs – Associazione Martedì Critici – Cosenza
Il suo lavoro si trova in diverse collezioni pubbliche e private.