OPERA IN CONCORSO | Sezione Pittura

 | Comme de sourds battements

Comme de sourds battements
olio, reperto cartaceo incollato su tavola
15x10,3 cm

Elisabetta Mariuzzo

nato/a a
residenza di lavoro/studio: Meolo, ITALIA


iscritto/a dal 30 mag 2020


Under 35


visualizzazioni: 69

SHARE THIS

Descrizione Opera / Biografia


Operando con solventi e vernici e più tradizionalmente con pigmenti a olio, a volte graffiando, altre volte lusingando le immagini, si realizza una proiezione del proprio sé e della propria memoria che, nel mio caso, corrisponde a anni di pratica pittorica. Alla stregua di un rigattiere o un raccoglitore di rifiuti, saturo d’intenzioni e funzioni quegli oggetti che hanno perso quelle originali e che diventano icone di senso e bellezza altra. Qui, la mia attenzione si concentra su alcune cartoline vintage: le immagini, già provviste di una propria esistenza nel tempo, subiscono un processo di corruzione che le piega, come rughe del volto, fino al limite della rottura per proporre nuovi margini e angolazioni delle stesse. ”Comme de sourds battements” rimanda alla mancanza, all’assenza di una parte di sé: una sensazione simile a quella di chi, in apnea sottomarina, sente il proprio cuore in assenza di respiro...
Elisabetta Mariuzzo è nata nel 1996 a Treviso. Nel 2015 si diploma al Liceo Artistico Statale di Venezia e nel 2018 consegue il Diploma di Primo Livello in Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano, dove tutt’ora studia e lavora. Più recentemente ha orientato la sua ricerca nell’ambito della postfotografia, selezionando immagini di seconda mano e rielaborandole, in un processo di ripensamento e riscrittura, attraverso il linguaggio pittorico.
Esposizioni:
2020
- 103ma Collettiva Giovani Artisti, Fondazione Bevilacqua La Masa, Venezia (VE)
2019
- Dona le tue rughe, Fondazione Umberto Veronesi, Milano (MI)
- The Garden, Oratorio di Santa Maria Assunta, Spinea (VE)
- Premio Arte Acqua dell’Elba, Sala Telemaco Signorini, Portoferraio (LI)
2018
- Wunderkammer 3, Visioni Altre, Campo del Ghetto Novo, Venezia (VE)
- Il libro illeggibile - Omaggio a Bruno Munari, Villa Farsetti, Santa Maria di Sala (VE)
2016
- La direzione dello sguardo, Materia Grigia, Venezia (VE)
2015
- Per incantamento, Castello Baronale de Gualtieriis, Castrignano dei Greci (LE)