OPERA IN CONCORSO | Sezione Pittura

 | Il Ragazzo delle Montagne Nevose

Il Ragazzo delle Montagne Nevose
olio su tela,
130x100 cm

Eleonora Rinaldi

nato/a a Udine
residenza di lavoro/studio: Sedegliano (UD), Firenze, ITALIA


iscritto/a dal 22 apr 2020


Under 35


visualizzazioni: 1160

SHARE THIS

Altre opere

 | San Sebastiano Nei Fiori

San Sebastiano Nei Fiori
olio su tela,
130x100 cm

 | L’Angelo sul Tetto

L’Angelo sul Tetto
olio e smalti su tela,
100x80 cm

 | Cuore II

Cuore II
olio e smalti su tela,
21x15 cm

Descrizione Opera / Biografia


L’opera si ispira ad un racconto buddista che narra di un giovane alle prese con un demone, il quale in cambio della carne del ragazzo, avrebbe promesso a quest’ultimo la verità assoluta.
L’immagine del dipinto è nata spontaneamente ad occhi chiusi dall’ascolto di questa storia e la costruzione si è basata su un’opera di ricerca pittorica volta a comporre le principali parti del Demone, del Ragazzo e delle Montagne. Quello che più mi ha attratto è stata la sottile reciproca necessità tra la carne, ossia il corpo, e la sua rinuncia: ciò dà vita ad una dinamica di forze che stimola la configurazione, e qui nasce il mio tentativo. La storia stessa non potrebbe essere raccontata se non basandosi sull’ambivalenza di tali potenze.
Il focus dell’interesse pittorico si è concentrato nella figurazione del demone, rosso come il sangue e tinto delle sfumature della carne, dal quale poi prende origine il corpo esile, ma consapevole, del ragazzo. Le montagne che accolgono la scena si ispirano invece al dipinto ”Winterlandschaft” di Alfons Walde del 1926.
__________________
Eleonora Rinaldi nasce a Udine del 1994.
Vive e lavora tra Firenze e il Friuli.
Dopo l’Istituto d’Arte G. Sello (Udine), nel 2020 si diploma in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Firenze, con la tesi Cosa un corpo può, ricerca che indaga la con-figurazione delle dinamiche di forza invisibili che muovono i corpi. Scegliendo la pittura come campo e mezzo di ricerca, Rinaldi si muove su un’indagine che mira a ricodificare la realtà attraverso il linguaggio pittorico, al fine di realizzare immagini che riescano a configurare la presenza e quindi la forza interna dei soggetti.
Attualmente si dedica completamente alla pittura lavorando nel suo studio in Friuli.