OPERA IN CONCORSO | Sezione Scultura/Installazione

 | Dormienti

Dormienti
installazione, materiali vari, legno, marmo ricostruito, gomma
6 elementi, ciascuno dei quali misura cm 60x50x45

Dario Tironi

nato/a a Bergamo
residenza di lavoro/studio: Bergamo, ITALIA


iscritto/a dal 09 mag 2020

https://dariotironi.com


visualizzazioni: 14

SHARE THIS

Descrizione Opera / Biografia


Viviamo in un momento storico in cui i cambiamenti socio-politici ed economici sempre più repentini richiedono da un lato un altrettanta rapida evoluzione culturale e dall’altro mettono in difficoltà la costruzione identitaria degli individui. In un contesto di produzione di massa anche il nostro modo di essere consumatori prende parte al processo di auto-identificazione e risponde al bisogno di appartenenza sociale; l’oggetto oggi trascende la sua funzione puramente utilitaristica per diventare status-symbol , manifestazione reale, seppur superficiale e vuota, della nostra personalità e individualità.
L’installazione “Dormienti” è composta da sei casse contenenti altrettante riproduzioni scultoree dell’antichità, frammenti di statue ellenistiche giacciono su di una moltitudine di cover per smartphone, che riempiendo le casse mantengono sollevate e proteggono le teste stesse.
L’opera rappresenta un collegamento tra i due elementi in contrasto. Il titolo vuole suggerire una dimensione di assopimento cognitivo e di atrofia culturale che la società contemporanea sta sperimentando dovuto all’eccessivo utilizzo dei dispositivi digitali, che se da un lato ci fa sentire iper-connessi con il mondo dall’altro ci mette in modalità stand-by rispetto al “qui ed ora”, all’esperienza diretta della realtà.
Le teste costituiscono un rimando alla classicità, sia come simbolo di un momento ideale di massima espressione culturale sia come origine del pensiero occidentale sulla cui eredità si fondano gran parte dei sistemi e delle strutture che regolano il mondo tecnocratico di oggi, basti pensare alle scienze, la filosofia, la politica.
Le cover sono un’ elemento fortemente rappresentativo della contemporaneità, in quanto custodiscono l’oggetto personale più importante che abbiamo, in cui troviamo condensati i nostri dati sensibili, le relazioni, i momenti della nostra vita privata, diventando un icona simbolo del nostro modello sociale basato sull’apparire, sull’impressione di facciata, sulle pseudo relazioni dei social network.
2019
-“Solo show” – solo exhibition, Gare 82 Gallery, Brescia
-“The room” – group exhibition, Palazzo Cusani, Milano, curated by Manfredi Style
-“Anatomie di consumo” – solo exhibition, Simonbart Gallery, Bologna
-“Il dialogo dei contrapposti” – group exhibition, Reggia di Caserta, curated by Vincenzo Morra
2018
-“Contemporary trasformations” – group exhibition, Duke contemporary art space, Bangkok
-“Figure furìturibili” – solo exhibition, Collezione Luigi Cattaneo, curated by Simonbart, Ateneo di Bologna
2017
-“Superfuture” – group exhibition, MAD Museum of art and design, Singapore
-“Ho cercato l’armonia” – permanent installation, Il Vittoriale degli Italiani, Gardone, curated by Giordano Bruno Guerri
-“Plastic Beauty” – solo exhibition, SimonBart Gallery, Porto Cervo, Poltu Quatu
- “Oggetti rimediati” – solo exhibition, Azimut, Brescia
2016
- “Monument to mankind”- solo exhibition, Piazza del Duomo, Pietrasanta, curated by Galleria Paoli
- “Neuro art” - group exhibition, MLAC, Università La Sapienza, Roma, curated by Manuela Enna
2015
- “Impatto 2.0”- group exhibition, Museo Nazionale Atestino, Padova, curated by Ilaria Magni and Lisa Celeghin
- “ExpoArteContemporanea”- group exhibition, Villa Bagatti Valsecchi, Varedo, curated by F. Sacchi Tommasi
- “Contexto” - group exhibition, Comune di Edolo, curated by Paolo Sacchini
2014
- “Dialogue”- group exhibition, Parco della Gherardesca, Four Seasons , Firenze
2013
- “ Da cosa nasce cosa”- permanet installation, Museo nazionale della Scienza e della Tecnica Leonardo da Vinci, Milano
­- “Game of cultures”- solo exhibition, Galleria Angelica, Roma, curated by D. Del Moro
- “2nd International From Waste To Art Exhibition”- group exhibition, Baku, Azerbaijan
2012
- “Cultura + Legalità = Libertà” - L’arte contro le mafie,  group exhibition, Biblioteca Nazionale Centrale, Roma
- “Mine, l’esplosione del sé”- group exhibition, Superground Art kichen, curated by Jacopo Perfetti
2011
-“Premio Arte laguna”- group exhibition, Tese dell’Arsenale di Venezia, curated by Igor Zanti
- “IV Premio Fabbri per l’Arte 2011” - Bologna, curated by Alberto Agazzani
- “Human constructions”- solo exhibition, Fortezza del Priamar, Savona, curated by Galleria Gagliardi and Galleria Conarte
- “Waste”- group exhibition, Palazzo Guidobono, Tortona (AL), curated by C. Cattaneo and P. Lesino
2010
-“Premio Arte laguna”- special award, group exhibition, Tese dell’Arsenale di Venezia, curated by Igor Zanti
-“Open 13”- Esposizione Internazionale di sculture ed installazioni, Lido di Venezia, curated by P. DeGrandis
-“Variazioni estetiche”- solo exhibition, Museo Civico Archeologico e della Collegiata Casole d’Elsa, (SI)