Premio Combat Prize

Barbara Villosio - Premio Combat Prize

OPERA IN CONCORSO | Sezione Pittura

 | L’Anima del Bosco

L’Anima del Bosco
mista, olio acrilico, legno
100x100, 2 cm

Barbara Villosio

nato/a a Cuneo
residenza di lavoro/studio: Fossano, ITALIA


iscritto/a dal 04 mag 2019

http://www.barbaravillosio.it


visualizzazioni: 96

SHARE THIS

Altre opere

 | intreccio

intreccio
mista,olio e acrilico, tela
50x70, 4cm

 | Guardami

Guardami
mista, olio e acrilico con collage, tela
40x60, 4cm

 | Giovanni

Giovanni
mista.olio e acrilico, tela
40x50

Descrizione Opera / Biografia


Ͽ�!
IL BOSCO
e’ parte della collezione “I miei Legni” li chiamo così,
la materia che ricorda la corteccia dell’albero, che si muove e si modifica all’interno del supporto, parla e comunica a chi li osserva, chiede allo spettatore di far parte di essa. L’immagine, ritorna, accade, si modifica in diverse possibilità e molto dipende da chi interagisce con questa. Con il mio lavoro cerco di costruire uno spazio in cui l’immagine stessa venga provocata, venga chiamata fuori dal supporto, poiché lei è già presente all’interno di questo, deve solo apparire e comunicare, far pensare e credere che questo mondo abbia ancora un senso.
Stendo e ristendo impasti di bitume che si alternano con assenze e presenze di campiture di colore e di segni, il tutto in maniera molto combinata, dove anche il supporto esso stesso in legno diventa presenza di Bosco.
Ogni spazio e ogni segno sono eseguiti in modo tale da non essere esplicite sulla superficie del dipinto, ma al contrario tutto rimane incastrato in una sorta di eco.
E’ la traccia che incita lo spettatore a dover guardare, osservare incoraggiato dai movimenti illusori e dalla consistenza della materia che danno profondità e movimento al dipinto.
VILLOSIO BARBARA PRESENTAZIONE
BARBARA VILLOSIO O DELLA CREATIVITA’
Barbara Villosio è nata a Torre San Giorgio nel saluzzese: una terra da sempre amica di artisti, da Pietro Pocapaglia nel Cinquecento a Piero Ansaldi e Leo Remigante alle soglie del Duemila.
Fin da bambina dimostra famigliarità con il disegno e, dopo la scuola dell’obbligo, frequenta il liceo artistico ”Bianchi” di Cuneo e quindi l’Accademia Albertina di Torino. Non contenta di ciò, frequenta poi i corsi dell’Istituto Europeo del Design a Milano; va da sè che quindi sappia disegnare figurativamente in maniera egregia così che molti si rivolgono a lei per avere il classico ”ritratto”.
Ma Barbara sente da sempre che la sua personalità di artista si può veramente esprimere soltanto in chiave di naturalismo astratto.
In una forma cioè che assuma il dato figurale della natura come pretesto per uno scavo interno così da ricavarne un percorso esistenziale che, osservando la natura (un gruppo di betulle al bordo di una radura o il tronco di un albero abbattuto dal vento e a terra sul bordo di un canale nella campagna), le consenta di ritrovare, aldilà dell’aspetto epidermico, una immagine viva e presente; che gli suggerisca un momento di vita o un pensiero di riflessione.
Il risultato riesce sempre di grande impatto e suggestione.
Inoltre va sottolineata la capacità di accostare in giusta composizione il ventaglio cromatico ed elaborare i valori tonali nei lavori monocromatici tra marrone e ocra, come mostrano i dipinti più recenti.
Carlo Morra