OPERA IN CONCORSO | Sezione Pittura

 | Synapses#2 (COMMUNITY)

Synapses#2 (COMMUNITY)
mista, legno, stoffe, colori acrilici spray, bottoni, fili di lana
cm 80 x 64

Antonello Spadafora

nato/a a Paola (CS)
residenza di lavoro/studio: Fuscaldo, ITALIA


iscritto/a dal 09 mag 2020


visualizzazioni: 58

SHARE THIS

Altre opere

 | Community#17

Community#17
mista, legno, stoffe, colori acrilici spray
cm 56 x 57

 | Community#18

Community#18
mista, legno, stoffe, bottoni, colori acrilici spray
cm 65 x 41

 | Community#15

Community#15
mista, legno, stoffe, bottoni, colori acrili spray
cm 108 x 75

Descrizione Opera / Biografia


L’opera fa parte del ciclo SYNAPSES, che ho sviluppato in questo periodo di mancanza di contatti fisici. Vuole sottolineare come si riesca a restare connessi alle vite degli altri nonostante tutto. Questo nuovo ciclo è un’evoluzione del precedente ”COMMUNITY”, che nasce dalla visione della società perfetta delle api, e prende in esame la nostra imperfetta società, dove in fondo siamo tutti uguali, ma siamo rivestiti inevitabilmente in maniera diversa l’uno dall’altro, sia per responsabilità, per ragioni sociali, per mansioni o etnie differenti etc. In un ipotetico enorme alveare, ogni cella esagonale, ogni differenza estetica, ogni elemento ha modo di essere quello che è ed ha il diritto di relazionarsi con gli altri. L’opera in concorso nasce da questa consapevolezza di connettere diverse entità come se fossero una sola cosa, un solo organismo in costante mutamento.
Antonello Spadafora nasce a Paola (CS) nel 1979. Autodidatta, poliedrico ed eclettico, spazia dalla pittura più o meno tradizionale a composizioni più astratte. Negli ultimi anni la sua ricerca si è focalizzata su tematiche sociali, fragilità e incertezza del quotidiano, trasformazione e conseguente rinnovamento, precarietà. Ricorre all’uso di diversi materiali, che interagiscono tra loro, soprattutto tessuti e stoffe, su cui interviene con il fuoco, la pittura, l’inchiostro. Del suo lavoro hanno parlato Paolo Levi, Roberto Sottile, Marta Lock.