OPERA IN CONCORSO | Sezione Scultura/Installazione

 | Cuori, fiori e fioretti

Cuori, fiori e fioretti
disegno/cucito, carta, stoffa, legno, vetro
348x261x2

Antonella De Nisco

nato/a a Reggio EmiliaBassano Del Grappa (VI)
residenza di lavoro/studio: Reggio Emilia, ITALIA


iscritto/a dal 09 mag 2020

http://www.antonelladenisco.it/


visualizzazioni: 101

SHARE THIS

Descrizione Opera / Biografia


Antonella De Nisco, Cuori, fiori e fioretti, (installazione abcdefghilmnopqrstuvz - 21 disegni a penna/stoffa/vetro/legno - cm 248x261x2), 2020
La mia ricerca si svolge all’aperto in luoghi urbani o naturali e può prevedere il coinvolgimento delle persone. In questo periodo di forzata sospensione, boschi (foreste) di ricordi, come in un caleidoscopio fatto di intrecci, incontri, parole, emozioni mi circonda. In un tempo ritrovato ho ripreso a disegnare, per progettare installazioni con penna nera e frammenti di tessuti (ripescati dagli archivi amati e mai dimenticati delle mie passioni giovanili). Non potendo uscire, in attesa di poter ritornare a sentire e intrecciare lo spazio che mi circonda, ho ri-tessuto i miei ricordi, traducendoli in frammenti di boschi, cuori, fiori e fioretti.
Antonella De Nisco vive a Reggio Emilia. Laureata in Storia dell’Arte (Università di Parma), Diplomata in Pittura (Accademia di Belle Arti di Bologna), Alta Formazione in Didattica Laboratoriale (Università di Bologna). Artista e docente di storia dell’arte, affianca alle attività espositive collaborazioni in progetti, installazioni, eventi, lezioni e pubblicazioni. È autrice di articoli e ricerche sulla didattica dell’arte. Con l’architetto Giorgio Teggi ha teorizzato “Per un’arte clandestina”, continuando a praticarla nell’ideazione di progetti sperimentali e di ricerca artistica, insieme hanno fondato LAAI (Laboratorio di Arte Ambientale Itinerante) che interviene negli spazi della quotidianità attraverso installazioni territoriali a creare “luoghi di sosta” capaci di segnalare, creare riposo e riparo, indurre fruizioni simboliche e, dal 2014, curano Arte Fluviale presso il LidoPO di Guastalla (RE). Da molti anni collabora con scuole, comuni, musei, teatri, intervenendo con mostre e installazioni site-specific nei luoghi naturali, giardini, parchi aree urbane e museali o di margine.