OPERA IN CONCORSO | Sezione Scultura/Installazione

 | LE DIVINITA’ DEI PIXEL

LE DIVINITA’ DEI PIXEL
scultura, pittura acrilica , resina e oggetti vari su tela.
35x200x6

Alessandro Lobino

nato/a a Torino
residenza di lavoro/studio: Budoni, ITALIA


iscritto/a dal 10 mag 2020


visualizzazioni: 87

SHARE THIS

Altre opere

 | vedere senza occhi

vedere senza occhi
pittura, pittura acrilica ,resina ,oggetti vari e pane su tela
35x 5

 | ”siamo arrivati sulla luna e non ci sembra nulla”

”siamo arrivati sulla luna e non ci sembra nulla”
pittura, pittura acrilica ,resina ,oggetti vari e pane su tela
35x 5

 | ”W l’arte contemporanea, W gli artisti”

”W l’arte contemporanea, W gli artisti”
pittura, pittura acrilica ,resina ,oggetti vari su tela

Descrizione Opera / Biografia


Le opere fanno parte di una serie di ritratti che vogliono omaggiare alcuni personaggi della storia dell’arte contemporanea. La frammentazione rende criptata la lettura di ogni singolo personaggio, mostrando sulla tela solo piccolissimi dettagli che riconducono alla vita , gesti e all’aspetto dei soggetti ritratti Un rimando al passato, ai mosaici bizantini ma anche alla trasfigurazione dei pixel sui display, dove le tessere si fondono con la pittura , inglobando e fossilizzando l’opera come un fossile da proteggere in eterno.Una cristallizzazione che appare lucidissima e brillante, affascinante ma anche fragile come i personaggi che custodisce. Sono nato nel 1975 a Torino (TO), vivo e lavoro in Sardegna a Budoni (SS). Dopo aver acquisito gli studi accademici a Sassari, ho conseguito le abilitazioni per l’insegnamento e dal 2004 sono docente di Storia dell’Arte presso il Liceo Scientifico di Olbia. Negli anni 90 iniziai il mio percorso come pittore, elaboravo una poetica incentrata sulla manipolazione e trasformazione del corpo, ma dopo qualche anno mi allontanai completamente dalla figurazione classica per avvicinarmi definitivamente alla sperimentazione costante di materiali. Nei primi anni del 2000 la mia ricerca si esprime principalmente utilizzando di due materiali opposti per composizione e per tradizione. Dal pane dalla resina, nascono i “congelamenti”che dal 2007 si trasformano in ”fossili contemporanei”, carotaggi marini e terrestri che raccontano la contemporaneità.Dal 2015 i ”congelamenti” si trasformano in ”fossili contemporanei” dove i rifiuti e gli avvenitemi del mondo attuale vengono inglobati diventando sculture installazioni e dipinti.