OPERA IN CONCORSO | Sezione Fotografia

 | Cup of Tears

Cup of Tears
fotografica, carta
30x30 cm

Alessandra Triuzzi

nato/a a Milano
residenza di lavoro/studio: Settimo Milanese, ITALIA


iscritto/a dal 09 mag 2024

https://www.alessandratriuzzi.it


visualizzazioni: 31

SHARE THIS

Descrizione Opera / Biografia


CUP OF TEARS
Cup of Tears è un ritratto introspettivo: riflette la sensibilità della società e la profondità dei sentimenti.
Una tazza di lacrime, tradotto dall’inglese, può essere anche in senso gioioso. L’essere umano spesso cerca la dimensione della tristezza e l’arte è una scatola all’interno della quale l’uomo può specchiarsi per andare più a contatto con la propria anima. Nella storia dell’arte troviamo tantissimi ritratti alle lacrime: da Man Ray a Pablo Picasso, Roy Lichtenstein fino ai ritratti più recenti dello star system.
Le lacrime altro non sono che una parte dell’anima che bagna la nostra bocca, proprio come il mare, immenso e profondo.
ALESSANDRA TRIUZZI
Sono cresciuta tra gli anni 80 e 90 dove l’immagine e la comunicazione aveva un impatto molto energetico. La mia arte ha spesso la Natura come soggetto, unendola parallelamente alla psicologia, facendoci leggere le immagini a livello primordiale: vediamo cose che in realtà ci sono ma non vengono filtrate. Quando siamo bambini riusciamo a vedere la magia delle cose semplici. Le immagini che creo sono simmetriche: la simmetria è parte del nostro corpo ed è statement di perfezione ed equilibrio. Nelle immagini che creo questa simmetria crea invece caos e riflette gli schemi di sopravvivenza della Natura, portandoci a vedere dei ritratti molto complessi che possiamo analizzare in modo diverso. La Natura è sempre ispirazione per la nostra anima e in questi ritratti comunica in modo più diretto con noi.
---
CUP OF TEARS
Cup of Tears is an introspective portrait: it reflects the society’s mood and the depth of our feelings.
A cup of Tears can definitely be seen as a joyful experience. The human being is almost looking for sadness as a relief and comfort zone. In the Artistic panorama we can reflect our feelings to try and touch the deepest side of our soul. From Man Ray to Pablo Picasso and Roy Lichtenstein the star system has created its own portraits of tears.
Tears come from our soul, they reach our lips as we sink in the immensity and depth of the sea.
ALESSANDRA TRIUZZI
I grew up between the 80’s and the 90’s, where photographic images had an energetic impact on communication. My art connects Nature with Psychology, giving us back the perception of our inner and primordial sense of observation. When we are children, we have no filters, no boundaries, our discovers are magic yet very simple. The images I create are symmetrical as we all are: symmetry has been the rule of perfection statement in art history. So far this symmetry creates chaos, showing how Nature is fighting, reflecting its survival schemes to breathe and to evolve. We are children looking at the kaleidoscopic messages of survival and protection. We have to listen to Mother Nature: she is talking to us through this very compelling portraits.