OPERA IN CONCORSO | Sezione Scultura/Installazione

 | Untitled (crumpled)

Untitled (crumpled)
installazione, veneziana, tappeti, led, audio (10’22’’)
dimensioni variabili (110x180x180 cm ca)

Agnese Spolverini

nato/a a Viterbo
residenza di lavoro/studio: Milano, ITALIA


iscritto/a dal 08 mag 2020


Under 35


visualizzazioni: 355

SHARE THIS

Altre opere

 | Untitled (tears)

Untitled (tears)
video, video (3’30’’), proiettore
dimensioni variabili

 | La luce della sera mette il mondo in disordine

La luce della sera mette il mondo in disordine
installazione, legno, led, edera, audio (3’ 51’’)
180x150x20 cm

 | Quando non ci sono, nella mia stanza accadono i tramonti

Quando non ci sono, nella mia stanza accadono i tramonti
installazione, video (4’11’’), piante, sdraio, scrivania, sedia, quaderno, lampada, proiettore, computer, casse, cavi
dimensioni variabili

Descrizione Opera / Biografia


“Untitled (crumpled)” disegna nell’ambiente la situazione domestica di una camera da letto in cui gli oggetti d’arredamento si fanno evocativi di presenze che in realtà vivono e sussurrano al di là dello spazio creato da essi, portando lo spettatore in una specie di atto di voyeurismo al contrario. Il lavoro crea un luogo ambiguo, collocando al di fuori della “finestra” suggerita dalla veneziana l’azione intima del bacio, che allo stesso tempo sembra un rumore ambientale, un gocciolare d’acqua, che porta un ulteriore livello di enigmaticità nella scena. Gli oggetti che plasmano lo spazio - il tappeto e la veneziana -, oltre a rimandare ad una presenza umana, diventano essi stessi presenza, personaggi che mostrano delle tracce di azioni che sembrano aver vissuto e compiuto.
Agnese Spolverini (Viterbo, 1994), attualmente vive e lavora a Milano. Ha frequentato il corso di Pittura e Arti Visive Contemporanee presso l’Accademia di Belle Arti di Urbino.
Ha esposto nelle collettive ”Nutrimentum” presso la Fortezza Borbonica di Civitella del Tronto nel 2015, ”Generativo” presso il Palazzo Ducale di Urbino nel 2016 e ”Surprize” presso il Centro Arti Visive Pescheria di Pesaro nel 2019, esposizioni a cura di Umberto Palestini. Nel 2019 è stata in residenza presso Viafarini, Milano