OPERA IN CONCORSO | Sezione Scultura/Installazione

 | STORIA

STORIA
scultura, scarti della lavorazione industriale del legno - abete
70x35x35 cm

Matteo Zeni

nato/a a
residenza di lavoro/studio: Sarzana, ITALIA


iscritto/a dal 06 apr 2021


Under 35

http://instagram - matteozeniscultore / facebook -matteo zeni


visualizzazioni: 337

SHARE THIS

Descrizione Opera / Biografia


Ho in qualche modo sempre portato nelle mie opere sia la mia esperienza di vita di montagna “fare con quello che si ha”, che la tradizione della lavorazione del legno. Provengo da un piccolo paese del Trentino e con l’elaborazione di questo progetto mi sono reso conto di quanto importante sia per me e quanto bisogno abbia di rimanere legato alle mie radici.
L’idea dell’opera è semplice, come me e come le persone che abitano la mia valle natale.
Ho voluto creare una scultura con quelli che vengono classificati come difetti di un materiale, gli scarti di lavorazione. Il mio scopo è stato quello di esaltare e valorizzare questi nei. Normalmente nella scultura lignea, il nodo è tolto dalla forma e tassellato per rendere la superficie di questa più omogenea, in modo che l’occhio di chi guarda non ne sia disturbato.
I nodi per chi scolpisce, sono una seccatura perché imprevedibili e tortuosi e perché rendono difficile la lavorazione. Gli scarti, quasi impossibili da lavorare, mi hanno dato la possibilità di sfidare me stesso in una prova tecnica di rifinitura su un materiale così difficile e pieno di ostacoli.
Non a caso il soggetto dell’opera è un anziano, un vecchio, immagine che troppo spesso è associata ad un peso per la società moderna, che nel caos frenetico rischia di dimenticarsi di quest’ultimi. Gli anziani, i nonni sono invece un capo saldo della nostra comunità, essi hanno vissuto tramandando la propria esperienza e saggezza.
Il mio nonno è creato da più scarti, ogni tassello è accostato all’altro e non sempre combacia perché come nell’esperienza di vita a volte rimangono dei vuoti. Si riesce però a osservarlo nella sua integrità dando la giusta importanza a quelle mancanze, percependo il fascino di una rifinitura data da un processo lento e ricercato come spesso è la vita.