OPERA IN CONCORSO | Sezione Scultura/Installazione

 | Polpe

Polpe
cera
dimensioni variabili

Irene Stellin

nato/a a Noventa Vicentina
residenza di lavoro/studio: Villa Estense, ITALIA


iscritto/a dal 30 apr 2021


Under 35


visualizzazioni: 289

SHARE THIS

Altre opere

 | Polpe

Polpe
cera
dimensioni variabili

 | Polpe (dettaglio)

Polpe (dettaglio)
cera
dimensioni variabili

Descrizione Opera / Biografia


La pelle, il primo rivestimento del nostro corpo, è lo strumento che sa registrare il tempo trascorso su di noi: la pelle ci protegge e ci racconta. La società propone da sempre degli ideali di bellezza, secondo i quali esiste una formula capace di fermare il tempo che passa sulla nostra pelle. Questo processo blocca (in maniera apparente) lo sviluppo naturale della nostra buccia, creando organismi semi-viventi standardizzati.
Il mio percorso guidato dalla cera ha dato sempre nuova vita alla materia. Materia che si rigenera con il calore e l’azione del lavoro, quindi in continua mutazione. La cera sa interagire col nostro corpo, durante la lavorazione è in costante ricerca di incontro.
Le polpe-forme ottenute rifuggono da costrizione o contenimento (stress). Pulsano di vita, sono sensibili al tocco di una mano, si emozionano al sole sudando come carni tenere e calde. Sarà la materia che, nel momento di fermo e di silenzio, deciderà la forma in cui arrestarsi. I soggetti fluidi e in qualche modo circolari sono connessi all’essere organico della materia insieme alle superfici evocative. La luce in trasparenza dà alle cere una vibrazione sottile come il calore del quale sono composte.
Irene Stellin nasce nel 1998 a Noventa Vicentina, nel 2017 si diploma in Arti Figurative presso il liceo artistico G.B. Ferrari di Este, è attualmente iscritta al corso di Decorazione presso l’Accademia di Belle arti di Venezia.
2019: ”Labirinto”, Lark Art Gallery, Venezia.
2019: ”Passepartout”, Villa Correr, Casale di Scodosia (PD).
2019: ”Next Artist”, Sala pescheria, Este (PD).
2019: ”Pre”, Festival Tensioni 2019, Fabbrica dello Zucchero, Rovigo.
2020: ”Lampi micro-mostre personali”, Accademia di belle Arti di Venezia.
2020: ”P0int-punto zero”, Festival Tensioni 2020, Fabbrica dello Zucchero, Rovigo.