OPERA IN CONCORSO | Sezione Pittura

 | Vieni da me (Tributo a Kansai Yamamoto)

Vieni da me (Tributo a Kansai Yamamoto)
olio, lino
165x120 cm

Domenico Ruccia

nato/a a Terlizzi (Bari)
residenza di lavoro/studio: Milano, ITALIA


iscritto/a dal 27 apr 2021


Under 35

http://www.domenicoruccia.com


visualizzazioni: 1005

SHARE THIS

Altre opere

 | Lucifera (Tributo a Jean Paul Gaultier & Peter Lindbergh)

Lucifera (Tributo a Jean Paul Gaultier & Peter Lindbergh)
olio, lino
70x50 cm

 | Si percepisce un’evidente forzatura delle classiche gerarchie domestico-patriarcali tra la padrona Lorena   ed il fidato cuoco Ubaldo

Si percepisce un’evidente forzatura delle classiche gerarchie domestico-patriarcali tra la padrona Lorena ed il fidato cuoco Ubaldo
olio, lino
110x80 cm

 | Cristina (Tribute to Cristina Monet Zilkha)

Cristina (Tribute to Cristina Monet Zilkha)
olio, lino
100x80 cm

Descrizione Opera / Biografia


“Sii generoso con la tua energia, sii generoso con i tuoi sorrisi”.
Era il proverbio preferito di Kansai Yamamoto. Lui è decisamente stato generoso in tutto.
Il dipinto è un omaggio allo stilista giapponese Kansai Yamamoto.
Portando la sua musa Sayoko Yamaguchi fuori dal Giappone, Yamamoto realizza un’impresa: nel pieno degli anni 70’, l’immagine della bellezza orientale stravolge i modelli occidentali all’epoca consolidati. Così come le geishe delle Beltà di Hiroshige o Utamaro ispirarono van Gogh che scrisse al fratello Theo “Vedi, amiamo l’arte giapponese, ne siamo influenzati … tutti gli impressionisti condividono questa passione”, così Sayoko diventa la modella più ricercata, nonché la prima asiatica a sfilare nel 1972 a Parigi, alimentando l’ondata di apprezzamento europeo per l’estetica giapponese.
È questa l’eredità di Yamamoto, quella dello straniero sorridente che insegna a cooperare, cercando la bellezza nel fascino e nella rilettura delle tradizioni come strada maestra per la modernità.
Ho cercato di trarre il buono di questo insegnamento: non volendo celare quell’atteggiamento e quel modo di concepire la scena di un artista italiano che mi appartiene, la mia passione per il vintage si è pertanto trasformata in uno strumento utile per evidenziare come il linguaggio pittorico sia ancora il mezzo ideale per dialogare con il passato e riflettere su come la pittura italiana possa valorizzarsi, rapportando il proprio heritage con le sollecitazioni esterne che positivamente la contaminano.
Bio
Bari, Italy, 1986
Lives and works in Milan
Education
2021 – MFA in Painting – Accademia di Belle Arti di Brera, Milan
2018 – BA in Painting – Accademia di Belle Arti di Bari
2011 – MA in Law – Lum Jean Monnet, Bari
Solo Exhibitions
2021 – Piccoli divertissement oculari – Il Crepaccio Instagram Show, curated by Caroline Corbetta
2018 – Toys – Chiostro del Bramante – Spazio nuove proposte, Rome
2017 – Memories Storyteller – Fondazione Mario Moderni, Rome
Group Exhibitions
2021 – 35×35 art project – Copelouzos Family Art Museum, Athens, Greece
2020 – Vuoto di senso senso di vuoto – Walk-In Studio Festival 2020, Milan
2020 – Ti conosco, mascherina! – Lorenzelli Arte, Milan
2020 – Della resilienza, della sopravvivenza – MAAAC Museo Area Archeologica Arte Contemporanea, Brindisi
2019 – Premio Marchionni 2019 – MAGMMA Museo d’Arte Grafica del Mediterraneo Marchionni, Cagliari
2019 – Scemi di guerra – Walk-In Studio Festival 2019, Milan
2018 – S’io m’intuassi, come tu t’immii – Fabbrica del Vapore, Milan
2017 – Assenza e Presenza – OnArt Gallery, Florence
2016 – Works on Paper – The Brick Lane Gallery, London
Collaborations
2021 – Eccellenti Pittori: Domenico Ruccia – Publication and text by Camillo Langone
2021 – Daniele Galliano: Un Profilo diverso – Daniele Galliano’s monograph in collaboration with the artist
2020 – Cover of Salvatore Pitruzzella’s novel “Il Principe dello Spazio Infinito e i misteri di Palermo”
2019 – RAI & Indigo Films – Paintings for the tv series “La Compagnia del Cigno”, directed by Ivan Cotroneo