Premio Combat Prize

Tiziana Abretti - Premio Combat Prize

OPERA IN CONCORSO | Sezione Grafica

 | Pálin Psestòs #4

Pálin Psestòs #4
carta da parati di fine ’800, cartoncino, china, carta
30x21

Tiziana Abretti

nato/a a
residenza di lavoro/studio: Bologna, ITALIA


iscritto/a dal 15 apr 2017

http://www.tizianaabretti.com


visualizzazioni: 776

SHARE THIS

Altre opere

 | Pálin Psestòs #10

Pálin Psestòs #10
carta da parati di fine ’800, cartoncino, china, carta
100x70

 | Pálin Psestòs #10 (dettaglio)

Pálin Psestòs #10 (dettaglio)
carta da parati di fine ’800, cartoncino, china, carta
100x70

 | Pálin Psestòs #7

Pálin Psestòs #7
carta da parati di fine ’800, cartoncino, china, carta
30x21

Descrizione Opera / Biografia


DESCRIZIONE
La serie “Pálin Psestòs” prende il titolo dai termini greci πάλιν ψηστός (pálin psestòs, letteralmente ”raschiato di nuovo”) che rappresentano la radice etimologica del moderno termine palinsesto. Un palinsesto è una pagina manoscritta, una pergamena o un libro che è stata scritta, cancellata e scritta nuovamente. Nasce dalla pratica, diffusa specialmente nel periodo medievale, di riutilizzare innumerevoli volte i preziosi fogli di pergamena. Cancellazioni maldestre, alterazioni chimiche, e le moderne tecniche fotografiche, ci permettono oggi di rendere visibile la scrittura primitiva, leggendo più testi sulla stessa superficie.
La serie nasce a partire dalla visita ad un castello francese settecentesco, poco prima del suo restauro. Da questa sede è stata raccolta la carta da parati che, a partire da fine ottocento, era stata ripetutamente utilizzata per decorarne le pareti. I frammenti di carta recuperati sono stati alla base di un percorso di ricerca grafica per ricreare nuove forme di palinsesto. Sulla superficie bidimensionale si crea un effetto di profondità. La carta svela e nasconde la propria storia, aprendosi, allo stesso tempo, a una nuova dimensione: si rivelano strutture astratte, prototipiche, essenziali.
STATEMENT
La mia ricerca è strettamente legata al territorio e ai luoghi dove decido di operare. Indago lo spazio alla ricerca delle memorie culturali ed emotive di cui è custode, per scoprire le relazioni possibili tra presente e passato. L’esplorazione svela, allo stesso tempo, la specifica e originale relazione tra l’uomo e l’ambiente naturale che ha preso forma in quel luogo. La mia pratica artistica mira a riattivare questo potenziale di senso, per renderlo attuale e vivo attraverso il mio rapporto istintivo e fisico con i materiali che trovo sul territorio, siano essi organici o artificiali. L’attrazione e la curiosità che suscitano, mi portano a manipolarli, rileggendoli e traducendoli in nuove forme, alla ricerca di relazioni inaspettate.
BIOGRAFIA
Tiziana Abretti (Parma, 1982) vive e lavora a Bologna. Ha conseguito la laurea specialistica in Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna; nel 2008 ha studiato presso la School of Fine Arts di Atene. Nel 2012 - 2013 è stata assistente degli artisti Lucy+Jorge Orta a Parigi. Nel 2014 è stata artista in residenza presso Mino AIR in Giappone, nel 2015 è stata selezionata per PAS_Progetto Atelier Sardegna AIR e nel 2016 è stata invitata presso KH-Messen Artists in Residence in Norvegia.