Premio Combat Prize

santaseveso - Premio Combat Prize

OPERA IN CONCORSO | Sezione Scultura/Installazione

 | Narratotem rosso

Narratotem rosso
mista, polimetilmetacrilato, vetroresina,legno,pvc,smalti,led.
h.350x60

santaseveso

nato/a a Saronno
residenza di lavoro/studio: Milano, ITALIA


iscritto/a dal 25 gen 2017

http://www.santaseveso.com


visualizzazioni: 1061

SHARE THIS

Altre opere

 | Narratotem verde

Narratotem verde
miata, polimetilmetacrilato, vetroresina,legno,pvc,smalti,led
h.350x60

 | Narratotem giallo

Narratotem giallo
mista, polimetilmetacrilato, vetroresina,legno,pvc,smalti,led
h.350x60

 | Narratotem Azzurro

Narratotem Azzurro
mista, polimetilmetacrilato, vetroresina,legno,pvc,smalti,led
h.350x60

Descrizione Opera / Biografia


Descrizione opera:
I Natrratotem, di cui in concorso ne mando uno e quattro da supporto per comprendere meglio il lavoro.
Sono quattro come gli elementi, come i quattro angoli.
I colori e la forma delle basi di legno sono un tributo ai totem di ceramiche che Ettore Sottsass disegnò negli anni ‘50.
L’idea di renderli luminosi mi è venuta pensando ai lavori di Nanda Vigo di Mario Merz e della Light Art anche se al posto dei neon ho utilizzato dei led.
Le forme delle parti del corpo giganti a Dalì e la Pop art.
Cosa Rappresentano: Una storia narrata dalla bocca, parole che entravano nelle orecchie e uscendo dalle stesse si trasformavano in immagini che arrivavano all’occhio, finestra sul mondo del nostro cervello, che qui è illuminato.
Come per tutti lavori di Santaseveso la ricerca è nell’identità e nell’essenza dell’uomo nella società di oggi.
Biografia:
Santaseveso ( Simona Seveso) nata nel 1969 vive e lavora a Milano.
Ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano.
Partecipa dal 1994 ad oggi a mostre collettive.
Nel 2015 la prima personale al MAP Museo Arte Plastica di Castiglione Olona con donazione alla collezione del museo dell’opera ”Candy skkinnhand in onore di GIorgio Bonafè”
Nel 2016 inaugura il suo nuovo Studio Milanese in occasione di AMACI la giornata del contemporaneo