Premio Combat Prize

Edoardo Romagnoli - Premio Combat Prize

OPERA IN CONCORSO | Sezione Fotografia

 | Luna_0721

Luna_0721
fotografia digitale,
100x100

Edoardo Romagnoli

nato/a a
residenza di lavoro/studio: Milano, ITALIA


iscritto/a dal 21 mar 2017

http://www.edoardoromagnoli.it


visualizzazioni: 946

SHARE THIS

Descrizione Opera / Biografia


Fotografia digitale realizzata in un unico scatto muovendo la macchina fotografica.
Nessun intervento di post produzione.
EDOARDO ROMAGNOLI
Vive e lavora a Milano.
Inizia a fotografare durante i suoi viaggi e per diversi anni si dedica al reportage. Dagli anni novanta sviluppa la propria ricerca personale ed espone in mostre collettive e personali in Italia e all’Estero.
I suoi maestri sono: Giulio Confalonieri, designer tra i più significativi, maestro di estetica e di vita; John Goodman, fotografo, artista e grande comunicatore.
La prima foto alla luna risale al 1988 e rappresenta l’inizio del suo lavoro di ricerca artistica. La luna è oggetto di una instancabile osservazione; Romagnoli ne fa la protagonista delle sue lunghe sperimentazioni rinnovando a ogni scatto il fascino originale che lo rapisce. Il lavoro rivolto alla luna è in costante sviluppo e si approfondisce nel tempo come un dialogo sempre più serrato, senza mai indugiare su i risultati ottenuti.
Un’ampia serie dedicata all’architettura testimonia un’accurata ricerca grafica e compositiva: “Duomo di Milano”,“Stazione Cen¬trale”, “Fabbrica del Vapore”, “Ponti”, “Torre Velasca”.
In altre serie l’artista esprime il fascino e la magia della luce: “Luna”,“Capodanno a Londra”, “Sabbia” ,”NY” e “Alberi”.
Il libro “Ulivi” del 2002 affronta il concetto di tempo e ne analizza gli sviluppi lungo un intero anno; succes¬sivamente nel libro “999” il tempo imprigionato esplode in 15 minuti di fragore e bagliori per annunciare l’arrivo di un nuovo millennio.
E’ del 2005 la sua partecipazione alla collettiva “I Maestri della fotografia” presso il Guggenheim di Venezia.
All’idea di movimento sono invece dedicati altri lavori: il progetto “Le Corse”, in cui l’artista utilizza il movimento per distrarre il soggetto fotografico e coglierne la naturalezza; i lavori “Alberi”, “Luci d’Artista” e altri ancora, dove il movimento è utilizzato per raggiungere un risultato pittorico- metafisico.
Grande at¬tenzione ed interesse alla ricerca sull’espressività del corpo sono evidenti nelle serie “Autoriscatti”, esposti al Festival di Ravello – la Follia dell’Arte nel 2010, “Autoscatti”, “Passeggiate Lunari”, “Performance”, “Ritratto in scatola”, “Sogni”, video “E poi ti mangiano in testa”.
In parallelo al lavoro fotografico si sviluppa la ricerca sui “Doodles”, disegni che scaturiscono in maniera impulsiva ed automatica mentre facciamo altro e costituiscono la fonte originaria del lavoro. Piccole creazioni da sempre raccolte dall’artista che vengono rielaborate, negli anni ’90 tramite la macchina fotocopiatrice e oggi grazie alle tecniche più moderne di acquisizione e trasformazione immagini.
Dal 2009 partecipa regolarmente a Fiere Nazionali e Internazionali.
Nel 2009 la casa editrice tedesca Springer ha pubblicato il libro Lune realizzando uno straordinario progetto grafico studiato nel 1996 da Giulio Confalonieri per le foto di Edoardo Romagnoli e arricchito dal testo del Prof. Piero Bianucci.
Dal 2010 partecipa al progetto “White Meditation Room” di Galleria Grossetti Arte Contemporanea, lavoro interamente dedicato al concetto del bianco, all’estraneazione della materia dalla natura.
Nel 2011 partecipa alla Biennale di fotografia di Alessandra - videofotografiaconteporanea curata da Sabrina Raffaghello. Sono di quell’occasione le prime “Passeggiate Lunari”, poi ripresentate a The Others nel 2013.
Nel giugno 2012 il Museo d’Arte Contemporanea di Strasburgo ha acquisito due fotografie della Luna.
Ottobre 2014, pubblicazione di “Ogni generazione è ponte”, ed.Chimera Editore, libro polifonico storico-artistico su cinque generazioni di Romagnoli. Presentato: Milano, Triennale il 20 novembre 2014, Torino, Museo Storico di Reale Mutua il 4 dicembre 2014.
Gallerie con cui collabora: Bruno Grossetti Arte Contemporanea – Milano, Riccardo Costantini Contemporary - Torino, Sabrina Raffaghello Arte Contemporanea – Milano, Red Stamp Art Gallery, Amsterdam.
Hanno scritto di lui: Francesca Belgiojoso, Pietro Bellasi, Piero Bianucci, Achille Bonito Oliva, Giorgio Bonomi, Rossana Bossaglia, Mariateresa Cerretelli, Lanfranco Colombo, Denis Curti, Alberto Finotto, Roberta Folatti, Gigliola Foschi, Clare Mahon, Giovanna Mancini, Alberto Mattioli, Gianemilio Mazzoleni, Antonio Messi¬na, Marina Mojana, Roberto Mutti, Lisa Parola, Lello Piazza, Laura Quaglia, Gianluca Ranzi, Maurizio Rebuzzini, Ezio Rotamartir, Lucia Scandola, Chiara Vanzetto.