icon-ititaicon-enengicon-dedeuicon-frfraicon-esesp

FaceBookTwitterOpere Bookmark and ShareAddThis

OPERA IN CONCORSO  Sezione Pittura

Mei Ziqian | Untitled
vedi ad alta risoluzione

Untitled
mixed media, cemento, fibre, pigmento.
70x100

Mei Ziqian

nato/a a Cagliari

residenza di lavoro/studio: CAGLIARI (ITALIA)

iscritto/a dal 09 mag 2015

http://www.meiziqian.com

Descrizione Opera / Biografia


Il Mental Worksite è un cantiere mentale rappresentato da una serie di edifici in costruzione. Questi rispecchiano la realtà delle società contempora¬nee spogliate dagli orpelli decorativi, dai trucchi, dalle maschere e dal culto dell’apparenza. Il Mental Worksite è, infatti, il “Ritratto di Dorian Gray”, dell’uomo, della natura e del loro reciproco rapporto; una sorta di cartina di tornasole delle scelte umane che hanno ridotto la capacità di immaginare, comprimendo e limitando la libertà e la creatività dell’uomo agli schemi del capitalismo globale.
«Quando vedo un edificio in costruzione il paesaggio si apre al mondo delle idee, il cantiere in se scatena una serie di dinamiche e relazioni sociali verticali dalla parvenza orizzontale, il cemento regge ed unisce, ma allo stesso tempo crolla e separa. Le armature longitudinali che fuoriescono dai pilastri dell’ultimo livello rappresentano la convivenza tra reale e ideale da intendere come fantastico o immaginativo»
La sua formazione inizia nel 1992 presso il Liceo artistico di Cagliari, prosegue con gli studi di filosofia e con il London College of Communication e la Photofusion di Londra. Artista poliedrico, utilizza le metafore architettoniche per descrivere la frattura insita nel rapporto tra l’uomo e la natura e per capire il modo in cui la realtà ci appare e ci influenza. Il suo è uno sguardo nuovo su società e storia, raccontato attraverso l’immaginazione visiva e narrativa. Il cemento, elemento costitutivo delle realtà urbane e, dunque, strumento della selvaggia trasformazione di natura e paesaggi, diventa per Mei Ziqian il materiale più adatto a rappresentare la spaccatura tra uomo e natura e lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo.