icon-ititaicon-enengicon-dedeuicon-frfraicon-esesp

FaceBookTwitterOpere Bookmark and ShareAddThis

OPERA IN CONCORSO  Sezione Fotografia

Marco Groppi | Mar Mortis. Luoghi di una migrazione clandestina
vedi ad alta risoluzione

Mar Mortis. Luoghi di una migrazione clandestina
inkjet su carta cotone hanemule, dibond 3 mm
63x93 cm

Marco Groppi

nato/a a Milano

residenza di lavoro/studio: Milano (ITALIA)

iscritto/a dal 09 mag 2015

Under 35

Altre opere

Marco Groppi | Temporary Fables, #Dunlop, #Maya Temple, 2014

vedi ad alta risoluzione

Temporary Fables, #Dunlop, #Maya Temple, 2014
inkject su carta cotone hanemule, dibond 3 mm
40x70 cm

Marco Groppi | Temporary Fables, #Factory, #Medina, 2014

vedi ad alta risoluzione

Temporary Fables, #Factory, #Medina, 2014
inkject su carta cotone hanemule, dibond 3 mm
40x70 cm

Marco Groppi | Temporary Fables, installation view, 2014

vedi ad alta risoluzione

Temporary Fables, installation view, 2014

variable

Descrizione Opera / Biografia


MAR MORTIS
luoghi di una migrazione clandestina
Mar Mortis è un progetto che nasce dall’esigenza di raccontare il dramma delle migrazioni clandestine nel Mediterraneo. Il racconto di una rotta che dalle coste tunisine approda a quelle siciliane. Tre scatti. Sono lo sguardo di un migrante nei tre momenti della sua migrazione: la partenza, il percorso e l’arrivo. L’artista ha deciso di rendere omaggio a questa umanità con un pellegrinaggio, che ripercorre le tappe di quel viaggio. È andato in Tunisia, a Kelibia, per poi prendere un’imbarcazione e attraversare il canale di Sicilia e raggiungere Mazara del Vallo. Mar Mortis è un lavoro che parla di ‘confini’ entro cui si esprimono vita, sogni, possibilità. E quindi anche ‘la possibilità di tutte le impossibilità’, la morte. Questo progetto racconta il desiderio – ma anche la necessità – di una vita migliore, di libertà che tante persone, oggi più che mai, cercano ogni giorno. Kelibia e Mazzara sono i confini entro cui si concretizza la volontà di autodeterminazione, di un’esistenza dignitosa e di una vita libera da miseria e guerra. Il lavoro dà sostanza allo spazio bidimensionale, rendendolo luogo culturale e sociale, evento storico. La geografia percettiva è un’analogia con quella politica e morfologica del Mediterraneo. L’orizzonte comune delle tre immagini è il destino comune che tocca tutto il Mediterraneo, nessuno escluso. Dentro quest’orizzonte condiviso, confinato tra nord Africa e Sicilia, si manifesta il conflitto eterno dell’umanità e del mondo: il desiderio di libertà e vita in opposizione all’annegamento e la morte.
___
MARCO GROPPI
Milano, 1988
Vive e lavora a Milano
MOSTRE DI GRUPPO
2014Zona 10, Appartamento Lago, Milano
____
ATTUALMENTE
Assistente, Francesca Minini, Milano
2014
Assistente, Francesco Jodice, Milano
Diploma CFP BAUER, Corso Biennale di studi fotografici, Milano
2011
Laurea Filosofia presso Università degli studi di Milano, ”Fotolinguaggio, un possibile utilizzo dell’immagine nella cura psichica” 110/110