icon-ititaicon-enengicon-dedeuicon-frfraicon-esesp

FaceBookTwitterOpere Bookmark and ShareAddThis

OPERA IN CONCORSO  Sezione Scultura/Installazione

Giuseppe Aldi | L’attesa
vedi ad alta risoluzione

L’attesa
elementi di recupero in ferro saldati, pietra grezza
40x25 h38

Giuseppe Aldi

nato/a a Lucca

residenza di lavoro/studio: Lucca (ITALIA)

iscritto/a dal 13 feb 2015

http://www.giuseppealdi.it

Altre opere

Giuseppe Aldi | Verso la mèta

vedi ad alta risoluzione

Verso la mèta
elementi di recupero in ferro saldati, pietra grezza
25x37 h48

Giuseppe Aldi | Supplica

vedi ad alta risoluzione

Supplica
elementi di recupero in ferro saldati, pietra grezza
25x62 h29

Giuseppe Aldi | Precarietà

vedi ad alta risoluzione

Precarietà
elementi di recupero in ferro saldati, pietra grezza
25x32 h51

Descrizione Opera / Biografia


Descrizione opera in concorso:
La scultura è realizzata con i supporti delle rotaie del treno scartati ed abbandonati vicino ai binari dopo la loro sostituzione.
Daadi, bulloni, rondelle e blocchi arrugginiti, che saldati insisme danno origine a figure umane prive di identità.
Biografia:
Giuseppe Aldi nasce a Lucca il 14-09-1962.
Si diploma all’Istituto d’Arte “A.Passaglia” di Lucca sotto la direzione del Prof. Guglielmo Malato.
La sua attenzione è rivolta non solo alla pittura, ma anche alla poesia, alla musica, al fumetto ed alla fotografia.
Ancora studente partecipa attivamente alla scuola del fumetto nata all’interno dell’Istituto d’Arte e promossa da Bruschini e Di Vita, ottenendo uno spazio espositivo alla prima mostra del fumetto di Lucca, dove conosce Hugo Pratt e Lido Contemori.
Partecipa a numerose mostre nazionali di fotografia, aggiudicandosi molti premi e riconoscimenti nella sezione “foto artistiche in bianco/nero”.
In un primo periodo la sua pittura è indirizzata verso il figurativo, nei suoi quadri esalta con passione la natura ritraendo con eleganza atmosfere toscane e scene di vita quotidiana.
La sua continua ricerca di nuove forme espressive lo porterà inevitabilmente all’incontro con l’informale , pittura che tutt’oggi esercita e predilige riscuotendo l’unanime consenso degli “addetti ai lavori”.
Esegue sculture in ferro con materiali di scarto ferroviario derivanti dalla sostituzione dei blocchi di fissaggio dei binari.
Al suo attivo ha numerose estemporanee, mostre collettive e personali.
Espone in varie gallerie quali:
- “Pucci Art-Factory” via Arno n.40 Montopoli in Val d’Arno
- “Fiordamaro” via Polidori n.15/a Bientina Pisa
- ”L’Arte” via Elisa n. 49 Lucca
- ”Hinsdale Gallery” 6 West First Street, Hinsdale-Illinois.
E’ membro di varie Associazioni Artistico-Culturali.
E’ ideatore e promotore del “teatrino del Serchio”, che gestisce amatorialmente con il figlio Sebastiano proponendo spettacoli inediti da lui ideati nel recupero delle vecchie storie e tradizioni popolari.