icon-ititaicon-enengicon-dedeuicon-frfraicon-esesp

FaceBookTwitterOpere Bookmark and ShareAddThis

OPERA IN CONCORSO  Sezione Scultura/Installazione

Christian Costa | Mondo Ammaccato W. W. 04/01/1976
vedi ad alta risoluzione

Mondo Ammaccato W. W. 04/01/1976
scultura in acciaio inox, acciaio inox 304
30 cm. diametro

Christian Costa

nato/a a Cuneo

residenza di lavoro/studio: Bagnasco (ITALIA)

iscritto/a dal 17 mar 2015

http://www.christiancosta.com

Altre opere

Christian Costa | Mondo Ammaccato W. W. 04/01/1976 PARTICOLARE

vedi ad alta risoluzione

Mondo Ammaccato W. W. 04/01/1976 PARTICOLARE
scultura su acciaio, acciaio inox 304
30 cm.

Christian Costa | Mondo Ammaccato W. W. 11/01/1976

vedi ad alta risoluzione

Mondo Ammaccato W. W. 11/01/1976
scultura su acciao, acciaio inox 304
73 cm.

Descrizione Opera / Biografia


I “Mondi Ammaccati” di Christian Costa e le varianti sul tema venute spontaneamente alla luce come semplice evoluzione del suo pensiero, ci raccontano del nostro mondo e dell’insensato, spregiudicato ed equivoco uso che l’uomo fa delle sue risorse, ma, essendo l’artista di indole positiva, manifesta il suo pensiero regalandoci comunque una via d’uscita, un balsamo ai mali perpetrati e lo fa per mezzo della cultura. Cultura vista non certo quale esercizio narcisistico e nozionistico ma quale invito all’uso dell’intelligenza a noi concessa ed invito a seguire l’esempio di chi, prima di noi, si è distinto con merito.E allora ecco che le sue sculture si inondano d’un mare di parole che avvolgono, rigano, decorano e scivolano sulla materia riportando porzioni di testi di grandi autori e menti quali Montale, Pascal passando per Saint-Exupéry per arrivare a Bulgakov, a Bach e ancora.Un giro attorno al nostro globo che ci suggerisce e non certo detta una possibile soluzione e che con tenacia e dedizione l’artista ci propone. La scultura oggi presentata presenta 2 novità, la prima il materiale: trattasi di acciaio inox e non legno come nelle precedenti opere...la seconda il codice a barre con data DI SCADENZA datata nel lontano 76 (anno di nascita dell’artista) che ci dice, metaforicamente che il nostro bel pianeta...è SCADUTO