Premio Combat Prize

Veronica Longo - Premio Combat Prize

OPERA IN CONCORSO | Sezione Grafica

 | ”Evanescenza”, 2018

”Evanescenza”, 2018
incisione ad incavo: puntasecca e acrilico su plexiglas stampato con inchiostri ad acqua disciolti con pennello giapponese, carta ”graphia”, cartiera di sicilia ”sicars”, color bianco naturale, 310 gr. esemplare 1/1
matrice 50 x 90 cm stampata su foglio 105 x 60 cm

Veronica Longo

nato/a a Napoli
residenza di lavoro/studio: Pozzuoli, ITALIA


iscritto/a dal 05 mag 2018

http://www.veronicalongo.com


visualizzazioni: 295

SHARE THIS

Altre opere

 | ”Parole bruciate”, 2010

”Parole bruciate”, 2010
incisione ad incavo: ceramolle, acquaforte, maniera punteggiata settecentesca su zinco e collage, carta ”hahnemuhle”, color bianco antico, 290 gr. tiratura 10 esemplari arabi
parte incisa 65 x 45 cm stampata su carta 100 x 70 cm

 | ”Paesaggi della mente”, 2012

”Paesaggi della mente”, 2012
incisione in piano: litografia e fotolitografia su alluminio, carta giapponese ”gampi”, 50 x 70 cm. tiratura 15 esemplari arabi
due matrici: parti incise 40 x 50 cm stampate su carta 50 x 70 cm.

 | ”Infanzia ritrovata”, 2015

”Infanzia ritrovata”, 2015
incisione ad incavo: puntasecca e maniera punteggiata settecentesca su rame, stampa a poupee, carta ”modigliani”, color bianco candido, 270 gr. tiratura 10 esemplari arabi
matrice 40 x 60 cm stampata su carta 70 x 100 cm

Descrizione Opera / Biografia


L’opera qui presentata appartiene a una ricerca più recente che mira all’introspezione e alla rappresentazione di stati d’animo, anche se questo, talvolta, comporta la ”smaterializzazione” del personaggio stesso: c’è qualcosa di ben più impalpabile agli occhi, qualcosa di nascosto e silenzioso che resta invisibile alla massa ma che sente il bisogno di comunicare, attraverso uno sguardo, le emozioni più profonde. Soggetti privilegiati sono da sempre le persone, in particolare bambini e anziani, l’esistenza trascorsa e quella ancora da vivere, esseri fragili e indifesi in cerca di protezione e attenzione, di un muto dialogo con lo spettatore; osservandoli, ognuno può cercare un contatto con le figure rappresentate e interrogarsi su se stesso, alla ricerca delle risposte ai quesiti dell’inconscio. In generale, la scelta dei titoli non è casuale, ma concorre all’eplicazione dell’opera, difatti, i lavori dell’ultimo periodo riportano spesso emozioni personali (”Rabbia”, ”Apparenza”, ”Tenerezza”, ”Smarrimento”, ”Dissolvenza”, ”Solitudine”, ”Incomprensioni”...).
La tecnica con cui è stata realizzata appartiene al campo dell’incisione sperimentale che punta a una maggiore ”pittoricità” utilizzando per le matrici materiali della moderna tecnologia con sistemi atossici che si preoccupano della salvaguardia dell’ambiente e del benessere di chi le utilizza. Il procedimento di stampa continua ad avvalersi del torchio calcografico ma, il foglio appena impresso, viene ulteriormente ”trattato” per mezzo di pennelli giapponesi dalle setole larghe e morbide, al fine di ottenerne il risultato finale. Sebbene ci sia una lastra di partenza, ogni opera stampata con questa modalità è un pezzo UNICO perché, la combinazione ”alchemica” tra i vari elementi, rende impossibile riprodurle alla medesima maniera. In sintesi, pur restando all’interno dell’incisione, la tecnica stessa viene ”distrutta” nel suo principio base della perfetta molteplicità.
______________
BIOGRAFIA
Nata a Napoli il 20 marzo 1976.
Nel 1994 si diploma in ”Grafica Pubblicitaria e Fotografia” e s’iscrive alla Facoltà di ”Lettere e Filosofia” della Federico II a Napoli.
Nel 1999 vince la Borsa di Studio Erasmus, presso l’Università di Reading (Inghilterra) e prepara la tesi all’Ashmoleum Museum di Oxford.
Nel 2003 si laurea in ”Lettere Moderne”, ma già dal 2001 al 2004, frequenta la ”Scuola Libera del Nudo” e il Corso di ”Tecniche Incisorie”, presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli, scoprendo così la sua passione per l’incisione.
Nel 2006 consegue il Diploma di Laurea di II Livello in ”Arti Visive e Discipline dello Spettacolo”, sezione ”Grafica d’Arte” e nel 2009 si abilita all’insegnamento della disciplina ”Arte della Fotografia e della Grafica Pubblicitaria”, entrambi conseguiti all’Accademia di Belle Arti di Napoli. Da quell’anno organizza inoltre la rassegna artistica internazionale (a cadenza biennale) ”Incisioni al femminile”, curandone il catalogo e i testi critici.
Nel 2011 tiene un ciclo di convegni sull’incisione, ”L’arte d’incidere – Incidere ad Arte”, al PAN (Palazzo delle Arti Napoli), Napoli.
Nel 2012 pubblicano il suo scritto ”Nuove Tecniche Incisorie Sperimentali”, aggiornamento al testo di Rina Riva ”Tecniche Incisorie Sperimentali” (1993), edito per i tipi del Centro Internazionale della Grafica di Venezia. Nello stesso anno approfondisce l’incisione atossica in Portogallo e trascorre 3 mesi in Giappone, in seguito alla vincita dell’Artist Residence Program, che le consente di lavorare e studiare a fondo diversi aspetti dell’incisione e dei suoi materiali: litografia, fotolitografia e xilografia tradizionale giapponese (ukiyo-e). Trascorre inoltre 2 settimane di residenza artistica presso il Taller de Litografia ”Milpedras”, a La Coruña (Spagna) dove approfondisce la litografia su pietra.
Nel 2014 apre la galleria e stamperia di grafica d’arte ”Controsegno”; è inoltre nominata commissario esterno per gli eventi internazionali ”Global Print 2015” e la ”Bienal Internacional de Gravura do Douro 2016”, entrambi in Portogallo, durante i quali viene dedicato particolare rilievo alle sue opere, con pubblicazione speciale nel catalogo.
Nel 2016 approfondisce le tecniche d’incisione atossica, denominate ”Grabado verde” e riceve l’incarico, per l’anno 20016-17, come docente di ”Grafica d’Arte e Tecniche dell’incisione” presso l’Accademia di Belle Arti di L’Aquila.
Nel 2017 è tra gli artisti selezionati per il festival delle arti ”IIIAF - Indira International Imprint Arts Festival” in India ed è invitata ad aderire al ”4 International Artsymposium in Voitsberg” in Austria. Inoltre, è nominata docente di ruolo per la classe di concorso ”Discipline grafico-pubblicitarie”.
In questi anni partecipa a numerose esposizioni (personali e collettIve) e concorsi in Italia e all’estero, vincendo diversi premi.
Al momento lavora come curatrice di mostre/eventi con artisti italiani e stranieri ed è incisore e stampatore a Pozzuoli (Napoli), gestendo in proprio l’Atelier ”Controsegno”.
Tra i vari premi si citano:
- Premio soggiorno: “Un menù per la Colomba”, Premio Internazionale d’Arte, organizzato dal ristorante La Colomba e dalla Galleria 3D, alla Fondazione Bevilacqua La Masa, Piazza San Marco, Venezia. Vincitrice del premio soggiorno presso l’Albergo Cavalletto, San Marco, Venezia. (2006)
- I Premio: “Premio Nazionale delle Arti 2006” (concorso per gli allievi delle Accademie di Belle Arti indetto dal MIUR), sezione Arti Grafiche. Mostra all’Accademia di Belle Arti di Bologna, ed esposizione all’ “Arte Fiera Bologna 2007”. (2007)
- I Premio: “Porticato Gaetano”, XIX Ed., “Premio Sebastiano Conca”, Pinacoteca Comunale d’Arte Contemporanea Giovanni da Gaeta, Gaeta. (2007)
- I Premio: “Primo Premio Grafica Italiana 2008”, (concorso nazionale d’incisione indetto dall’Associazione Nazionale Incisori Italiani), mostra personale, Castello dei Da Peraga, Vigonza, Padova. (2008)
- II Premio: “2011: 150 anni dell’Unità d’Italia”, VI Mostra Concorso di Ex Libris a tema, Acqui Terme, Ovada, Alessandria. (2011)
- Premio pubblicazione: “Premio Italo Grandi 2011”, IV Ed., Castello Sforzesco, Sala del Tesoro della Biblioteca Trivulziana, Milano. Opera scelta tra le venti per la mostra e per la pubblicazione sulla rivista Grafica d’Arte (n. 87).* (2011)
- Residenza artistica: “Artist in Residence Program 2012”, premio concesso a un incisore straniero dall’Art Studio Itsukaichi Operation Committee (ASIOC), per il programma di residenza artistica, della durata di 3 mesi, presso Akiruno-City, Tokyo, Giappone. (2012)
- Golden Prize: “XI International Graphic Art Biennial Dry Point Uzice 2013”, (concorso internazionale dedicato alla puntasecca), City Gallery of Uzice, Uzice, Serbia. (2013)
- III Premio: “The 9th Kochi International Triennal Exibition of Prints”, (concorso internazionale d’incisione), Ino-cho Paper Museum, Kochi-Ken, Giappone.* (2014)