Premio Combat Prize

tina sgro - Premio Combat Prize

OPERA IN CONCORSO | Sezione Pittura

 | gialloluce

gialloluce
acrilico, tela
95x100

tina sgro

nato/a a Reggio Calabria
residenza di lavoro/studio: Reggio Calabria, ITALIA


iscritto/a dal 03 mag 2018

http://www.tinasgro.it


visualizzazioni: 725

SHARE THIS

Altre opere

 | light

light
acrilico, tela
90x60

 | controluce

controluce
acrilico, legno
50x50

 | interno

interno
acrilico, tela
90x140

Descrizione Opera / Biografia


La memoria e il sogno, il freddo registro d’ogni cosa che ne scandisce un inventario cartesiano e l’animazione emozionale, turbata e sentimentale, d’ogni spazio che all’improvviso pare prendere fiato, sembra sospirare confessando ardori e sogni indicibili che si celano come tignole entro le poltrone, che si nascondono come tarme nelle tende, che fluttuano nell’aria assieme a sbuffi di polvere e il fantasma incorporeo del desiderio, facendo sorridere l’austero dottor Sigmund Freud dal quadretto ch’è là, sul tavolo da bridge, ignaro della paralizzante sonnolenza che ha stregato la grande fotografia di Tolstoj, piazzata sopra il vecchio centrino di zia Virginia (Wolf, naturalmente). Il brusio di queste e di altre presenze pur invisibili riempie gli interni alitanti, animosi e sentimentali di Tina Sgrò, dando vita alla sua pittura lucente e umbratile, perlacea, grigia e nera.
Le stanze dipinte sono gonfie di simboli e giochi geometrici galleggianti entro le forme abbandonate, come ricordi, in una sospensione spaziotemporale, il dilagare di uno spaziotempo mnemonico e soggettivo, tutto interiore e immateriale a mano che la pennellata, la stesura cromatica si fa vieppiù presente e materiale. Animando così un paradosso che, come un fremito erotico, scuote ogni fibra, ogni segno di questa pittura, occupandone gli ammalianti “interni”, stanza dopo stanza.
E allora queste stesse stanze dipinte da Sgrò finiscono per ricordarmi l’azzardo scottante imbastito da Michel Foucault quand’egli tenta di smantellare una costruzione costrittiva e ambigua come quella che assedia da ogni lato termini come “sesso” e “sessualità”. Gli stessi, a ben vedere, che animano, che scaldano fino all’eccitazione questa sua pittura. E ne fanno espressione di punta, di primissima linea sulla scena artistica contemporanea.