Premio Combat Prize

jacked - Premio Combat Prize

OPERA IN CONCORSO | Sezione Pittura

 | Interno

Interno
olio, tela
142x190 cm

jacked

nato/a a Alghero
residenza di lavoro/studio: Milano, ITALIA


iscritto/a dal 14 apr 2017

http://www.giulianogiagheddu.com


visualizzazioni: 565

SHARE THIS

Altre opere

 | autoritratto

autoritratto
mista, tela
40x50

 | Mata rosa

Mata rosa
mista, tela
65x90

 | sommergibile nero

sommergibile nero
mista, tela
200x90

Descrizione Opera / Biografia


Nell’opera in concorso Interno l’assurdità dell’aggressione da parte di una pianta tropicale ai danni di una volpe è un invito alla riflessione sui concetti di interno/esterno; conosciuto/sconosciuto; bene e male, temi affrontati anche in altre opere che indagano la paura dell’abisso, dello sconosciuto, in contrapposizione al domestico, alla serenità di un ambiente chiuso e rassicurante, luogo protetto come un Hortus conclusus. Fanno parte di questa serie di lavori i paesaggi in cui le case subiscono attacchi da parte di calamari giganti o serpenti che spuntano nelle camere da letto.
 I mostri che la mente genera in assenza di conoscenze precise normalmente popolano luoghi lontani e sconosciuti. Esiste una iconografia fantastica, soprattutto risalente al periodo medievale, di mostri, draghi, balene giganti e serpenti bicefali che si pensava nuotassero oltre le colonne di Ercole, dei quali l’equivalente odierno possono essere gli alieni che hanno sembianze mostruse.
 Anche nel medioevo i serpenti bicefali che si pensava nuotassero nell’oceano atlantico erano extraterrestri, visto che la terra finiva in Portogallo. Nelle mie opere compaiono spesso situazioni in cui dei mostri galleggiano su dei paesaggi e accerchiano delle case. La casa è il luogo che maggiormente si conosce, dove ci si sente a proprio agio, e dove la fantasia e il preconcetto non possono generare mostri.
La situazione di tensione tra un animale selvatico e una pianta in un soggiorno ricorda che non tutto ciò che sta all’interno del nostro hortus è buono. Ma soprattutto che non tutto ciò che viene dall’esterno, poiché sconosciuto, è pessimo.
 
Jacked (1974) è diplomato in pittura all’Accademia di Brera (Milano) e ha partecipato ai Workshop tenuti da Concetto Pozzati, Sergio Dangelo, Toni Trotta, Anselm Kiefer, Claudio Parmiggiani. Nel 2010 si trasferisce a Rio de Janeiro. Vive e lavora tra Milano, Rio de Janeiro e la Sardegna.