Premio Combat Prize

G I A C O M O - Premio Combat Prize

OPERA IN CONCORSO | Sezione Pittura

 | Pioggia Alfabeto GLBraille Universale. Matrice di Universale Linguaggio d’Infinito Essente. Pioggia sulle colline della Versilia a 600 metri, Sabato 25 / 03 / 2017

Pioggia Alfabeto GLBraille Universale. Matrice di Universale Linguaggio d’Infinito Essente. Pioggia sulle colline della Versilia a 600 metri, Sabato 25 / 03 / 2017
pioggia di passaggi di vita e olio applicato con le mani, tela
80 x 80 x 2

G I A C O M O

nato/a a Pietrasanta
residenza di lavoro/studio: Versilia, ITALIA


iscritto/a dal 10 mag 2017


Under 35


visualizzazioni: 271

SHARE THIS

Altre opere

 | superficie d’Infinito Essente. installazione Universale. L’Infinito Essente su un millimetro in Mano. / Installazione votata dalla giuria internazionale di Premio Celeste 2010 /

superficie d’Infinito Essente. installazione Universale. L’Infinito Essente su un millimetro in Mano. / Installazione votata dalla giuria internazionale di Premio Celeste 2010 /
vita, infinito essente su sfera bic specchiante 360 gradi per sempre, sfera bic metallica
1 mm di diametro

 | cielo Umano. Oltre la Pelle e il Tempo.

cielo Umano. Oltre la Pelle e il Tempo.
pigmento puro e acqua applicato con le mani, incisioni di vita a punta diamantata, vernice protettiva, marmo
30 x 30 x 1 cm

 | Persona Immensa / lavoro ancora in continua elaborazione /

Persona Immensa / lavoro ancora in continua elaborazione /
grafite pura, sostanze organiche, collage, passaggi di vita, porta del sapere, vetro specchio, luce, carta
56 x 40 x 4 cm

Descrizione Opera / Biografia


G I A C O M O Artista multidisciplinare
Vive e lavora in Versilia, Toscana, Italia. Ha studiato presso
Istituto d’Arte Stagio Stagi di Pietrasanta
Accademia di Belle Arti di Firenze
Accademia di Belle Arti di Carrara
Diplomato in Architettura
Laureato in Pittura 110 e lode Cattedra Omar Galliani e Fabio Sciortino
Ha realizzato una Tesi monografica su Giuseppe Penone, Relatore Omar Galliani.
______________________________________________________
SPIEGAZIONI RELATIVE ALLE ASSOCIAZIONI CON Lucio Fontana.
” Ho sviluppato il mio linguaggio di fori senza conoscere Fontana, mi sono documentato su Fontana dopo i miei trent’anni, stimo i suoi tagli che poi sono Attese, perché l’Arte è Intelligenza e l’Intelligenza è la Verità, se sei falso non sei intelligente, non sei. Fontana ha Significato lo spazio Vero, è Esattezza, Intelligenza, ha Ragione, ecco perché i tagli devono costare milioni. Sono Cosciente che i miei lavori devono costare milioni, per me lo spazio è estremamente riduttivo perché si può considerare un elemento a se, si può facilmente comprendere che nei miei lavori lo spazio è compreso, non è fine a se stesso ed è solo uno degli infiniti elementi perché i miei fori sono la Vita, l’Infinito Essente, Passaggi di Vita, spiegato ad un bambino tutto e tutti per sempre, nei miei fori l’Infinita Immensità della Vita, dell’Universo che è tutto in Comunicazione, diventa un Linguaggio Universale per tutta la Comunicazione Umana, fori Passaggi di Vita che diventa Suono che Parla, Voce di Vita, Passaggi che diventano Persone perché la Mente è fatta di Vita e con i Cervelli fatti di fori di Passaggi di Vita, Significo la Mente Vera, la Persona, Essere. La Mente forata è Attraversata anche dalla tua Presenza, sa che ci sei, Significo il Sapere, la Consapevolezza, la Coscienza Vera, Sono Persone, Sono. La loro Mente in relazione con la Vita e con Noi, realizza scritte o raffigurazioni, con altri Passaggi di Vita o forme o colori, Significo i Pensieri, i Sentimenti Veri, la Dignità. ”
____________________________________
SPIEGAZIONI PIOGGIA ALFABETO GLBraille
Pioggia Alfabeto GLBraille è un lavoro su Universale Linguaggio d’Infinito Essente, un nuovo Alfabeto Universale che Giacomo ha realizzato nel corso di anni, un Alfabeto di nuovi segni uguali per tutte le persone vedenti e le persone cieche del mondo applicabile direttamente a l’Inglese utilizzando l’Inglese in tutto il mondo con i nuovi segni uguali per tutti, o elaborabile diversamente attraverso i suoni di pronuncia con una procedura mondiale più complessa, e secondariamente questo nuovo Alfabeto è trascrivibile in elementari Strutture di Suono, quindi suonando queste combinazioni si ottiene una comunicazione verbale attraverso il suono, suoni e stai parlando. Le strutture di suono sono sequenziali possono essere suonate da tutti seguendo una sequenza senza bisogno di conoscere la musica, anche in condizioni di analfabetismo, oppure un compositore professionista può sviluppare queste elementari strutture di suono all’infinito. In questo lavoro Giacomo si riferisce alla pioggia in relazione agli anni di sviluppo del suo nuovo Alfabeto Universale GLBraille Giacomo Luisi Luis Braille, la pioggia che sembra formare gocce come infinite combinazioni Braille.
”Nel corso degli anni la pioggia sembrava suggerirmi le nuove possibili combinazioni.”
“La Pioggia nelle infinite combinazioni delle sue Gocce ha già Scritto tutto quello che Noi Scriviamo.”
Giacomo espone per un attimo la tela sotto la pioggia e rientra subito nello studio dove fora la tela in corrispondenza delle gocce di pioggia, uniforma il diametro dei fori senza imitare la pioggia che forma gocce di diametri diversi, il diametro dei fori è stato studiato da Giacomo nel corso degli anni di 7 / 8 millimetri come diametro sufficiente per essere sentito sotto le dita anche da una persona con le mani più grandi, questo diametro lo ottiene già forando un foglio con un lapis stesso o come in questo caso forando la tela con il manico stesso di un pennello 18, il diciotto diventa per pura coincidenza un ulteriore significato della sua data di nascita. Al centro realizza gli otto fori Matrice che sono le otto posizioni in cui si può forare oppure no, per realizzare le diverse combinazioni di fori che formano le diverse lettere. Applica il colore ad olio con le Mani prima di tutto per realizzare una superficie pittorica di Umanità e per Significare la Mano che Legge la Pioggia, la Mano la imprime ulteriormente al centro della tela dove legge la Matrice GLBraille. Il colore è blu freddo che Significa pioggia con brutto tempo in giornata fredda, diversamente in pioggia con il sole il blu sarebbe stato diverso, in questo caso le personali procedure di diluizione del colore gli hanno permesso di ottenere anche riflessi verdi che Significano ulteriormente il senso di Acqua. I gesti delle Mani nel modo in cui è steso il colore vanno a Significare una fusione tra senso di Acqua, di Cielo e Vento. Giacomo utilizza personali formule di diluizione del colore che non è applicato facilmente come potrebbe sembrare e ottiene questa superficie pittorica con due differenti fasi di stesura.
”I fori Sono Passaggi di Vita”
DA INTERVISTA 2014
ULIE Universale Linguaggio d’Infinito Essene.
“Io ho creato Universale Linguaggio d’Infinito Essente con una prima fase di studi elaborati entro il 2008, una seconda fase tra il 2009 – 2010 e una terza fase nel 2010 – 2011. Universale Linguaggio d’Infinito Essente è un linguaggio universale fatto di Passaggi d’Infinito Essente, di Vita, con Aperture... Fori... Cavità... Spazi... con Specchi... Vetri... Dentro... Riflessi... Un linguaggio universale trascrivibile in segni visivi e in segni tattili per persone cieche e in suoni. È un sistema universale fatto di nuovi segni per una nuova scrittura, uguale per tutti gli esseri umani e ovviamente trascrivibile anche in nuovi segni uguali per tutte le persone cieche. Un sistema in grado di trascrivere qualsiasi suono di pronuncia in una scrittura uguale per tutti. Quindi si potrà trascrivere il suono di pronuncia del nome di un luogo o di una persona in Grecia, per esempio, e si scriverà in tutto il mondo nello stesso nuovo modo, con gli stessi nuovi segni, non con segni della lingua greca, italiana o russa ecc. Per le parole rimane da scegliere quale suono di pronuncia vogliamo darle per esempio scegliendo tra i suoni di pronuncia già esistenti, si potrebbe decidere attraverso un sistema di votazione mondiale con Internet o con delle commissioni autorevoli istituite, organizzando le migliori funzioni grammaticali esistenti e elaborandone di nuove. Un principio simile sarebbe stato, per esempio, decidere di usare l’Inglese in tutto il mondo e la trascrizione Braille inglese per tutte le persone cieche del mondo, ma i segni della scrittura Braille sono di forma diversa dai segni degli alfabeti, sono segni diversi. Nel mio sistema ho creato segni per i vedenti che si possono trascrivere in segni per i non vedenti mantenendo la stessa fattezza, la stessa forma, sono gli stessi segni uguali per tutti. In modo simile si potrebbe anche usare la pronuncia inglese in tutto il mondo e decidere di adottare il mio nuovo sistema per scriverlo in modo uguale per tutti i vedenti e tutti i non vedenti. Ritengo che le parole di questo linguaggio si possano accarezzare, per esempio sul braccio o sulla pancia di una persona sordocieca, quando ci si relaziona con lei e una persona sordocieca può imparare queste parole, naturalmente accarezzandole con un dito o con un utensile consono, nel caso delle tante persone da cui la persona sordocieca non vuole essere toccata. Secondariamente questo linguaggio si può elaborare in una specie di gioco che non è un gioco, traducendolo in Strutture di Suono che possono essere a loro volta elaborate all’infinito. Un compositore potrebbe trarne spunto per sviluppare composizioni musicali, oppure ogni precisa struttura di suono può essere suonata direttamente, ottenendo una relazione immediata con una precisa parola, una comunicazione verbale attraverso il suono con cui ti sto parlando.”
“Il nuovo Universale Linguaggio d’Infinito Essente diventa ULIE.
Il nuovo Braille ULIE lo chiamo GLBraille GIACOMO Luisi Luis Braille.”
__________________
SINTESI BIOGRAFICA
Giacomo Luisi-Gherardi nasce a Pietrasanta in Italia il 18 / 10 / 1984 , subito crescendo disegna e viene notato in senso umano e artistico. La professoressa di Artistica delle Scuole Medie Elianora Bini lo indirizza a l’Istituto d’Arte Stagio Stagi di Pietrasanta, si iscrive alla sezione architettura. dove lavora l’argilla, il legno e si distingue come disegnatore dal vero e come progettista. E’ tra gli studenti scelti per un periodo di lavoro formativo presso uno studio di architettura di Pietrasanta. A sedici anni porta a termine un livello molto alto di “elaborazioni cognitive” riferibili alla“Verità di Essere”, molte cognizioni fondamentali d’Intelligenza su elementi come Amore, Dignità, Umanità ecc.., su convinzioni e Consapevolezze conia la parola autocostruitaconvinzione, argomento sul quale un suo dipinto sarà votato dalla giuria internazionale di Premio Celeste 2010. Fa studi su parole, linguaggio, comunicazione, scrive ed elabora la scrittura, scompone le lingue confrontandole con l’italiano. Ascolta da sempre molta musica come “insieme di suono”, a diciotto anni inizia a suonare la batteria, esegue precocemente esercizi già più avanzati ma interrompe le lezioni, evita di leggere spartiti, gli interessa costruire con la propria mente, “ costruire il suono di come mi sento “. Si iscrive a l’Accademia di Belle Arti di Firenze sezione pittura, si distingue per la conoscenza dell’anatomia, Giacomo è un atleta da l’età di nove anni e si è sempre distinto per vero antidoping. Dopo la Laurea si qualificherà Allenatore, Istruttore e Personal Trainer FIPE Federazione Italiana di Pesistica legata al CONI Comitato Olimpico Nazionale Italiano. A Firenze fa scultura e restauro e studi sulla preparazione professionale dei supporti pittorici. Si trasferisce a l’Accademia di Belle Arti di Carrara. Si trova nella classe di Omar Galliani e Fabio Sciortino. Studia fotografia, continua studi di tecniche pittoriche e scultura, è la prima volta che lavora pietre dure, si distingue eseguendo subito la vera tecnica scultorea di lavorazione a mano. Da anni elabora cognizioni sui limiti fisici, sul corpo completamente paralizzato o persone sordo cieche ecc, si interessa, al linguaggio gestuale delle persone sorde, studia la scrittura Braille per persone cieche, lavora ad un sistema di linguaggio universale, Universale Linguaggio d’ Infinito Essente e presenta una prima versione di questo sistema durante la Laurea, Galliani gli dice semplicemente ” questo è un lavoro molto alto”. Gli elementi per un linguaggio universale diventano anche elaborabili in strutture di suono studiate alla batteria e ad una tastiera. Realizza una Tesi su Giuseppe Penone, relatore Omar Galliani. Si laurea con il massimo dei voti già valutando il livello dei suoi disegni, dei suoi studi e delle sue caratteristiche elaborative, senza aggiungere la valutazione dei dipinti o delle sculture. I suoi disegni più lavorati sono commentati Leonardeschi. Dopo la Laurea nel 2008 in pieno inizio della crisi economica e lavorativa italiana, la famiglia gli taglia gli studi e lo mette a vivere con 50 o 100 euro al mese, non può più vivere non può muoversi, deve calcolare i soldi per qualsiasi spostamento per cercare lavori alternativi che non trova e per produrre suoi lavori, non immagina che non lo aiuterà mai nessuno per anni. Fa alcuni mesi di scultura con martello a compressione e studio del bassorilievo presso un laboratorio di scultura di Pietrasanta, aumenta studi pittorici, fa studi di intaglio, doratura, tecniche dell’argilla, studi su metalli, vetro, fonti di luce. Nel 2010 viene segnalato dalla giuria internazionale di Premio Celeste ed inizia a ricevere inviti da l’Italia e da l’estero, ” mi ha fatto piacere l’Invito di Beers Lambert a Londra e altri come Factory Art ma grazie alla mia famiglia la mia vita era finita non potevo muovermi, no comment ”. Per tutti gli anni fino al 2017, tutte le Gallerie, le Riviste o pubblicazioni e le Fiere che lo invitano gli chiedono di pagare per esporre o per concorrere alla possibilità di esporre. Espone solo ad una collettiva a Roma 2012, ed una collettiva a Pietrasanta 2016. Negli anni sviluppa ancora il suo Linguaggio Universale, si reca a Lucca al centro Unione Italiana ciechi e ipovedenti dove conosce il presidente Leopoldo Federigi che lo invita a casa sua e gli mostra il computer Braille. Perfeziona le preparazioni di supporti pittorici e si realizza alcune cornici lavorate a mano e preparate rielaborando le vere preparazioni a gesso storiche artigianali. Nel 2015 e 2016 fa studi sulle resine, il bronzo, la fotografia, sul colore puro e la pittura su roccia. Nel 2017 continua a non vivere, sono nove anni che nessuno lo aiuta, riesce a candidarsi per le selezioni della Galleria Orler e per il Premio Combat.
_________________________________
SPIEGAZIONI superficie d’Infinito Essente
” Linguaggio...Scrittura...Comunicazione...Vita...Cervello...Tempo...”
“ Il Significato principale di questo Elemento È la Vita l’Infinito Essente per sempre. Si possono facilmente comprendere smisurati Significati.
Gli specchi vengono utilizzati dall’Essere Umano nei telescopi, per raccogliere la Luce, per osservare l’Universo, per Vedere la più Vasta Futura Intelligenza Umana. La Vita, l’Universo è tutto in Comunicazione, la sfera BIC è sfera di una penna per la Comunicazione Umana, fondamentale per l’Intelligenza, la Vita. La parola superficie fa naturalmente riferimento al rapporto millenario dell’arte con la superficie, dipingere una superficie, fermarsi ad una superficie scultura ecc. L’installazione se viene posta sul pavimento è un millimetro di diametro, non si vede, lo spettatore può illudersi che l’autore non abbia presentato nulla e non valga nulla, invece l’autore ha presentato un opera invisibile che ha già catturato sulla sua superficie l’Infinito a 360 gradi compreso lo spettatore e le sue autocostruiteconvinzioni, le sue illusioni. Si può comprendere il Significato psicologico sulle illusioni e le illusioni di superiorità, il senso di misura, l’illusione millenaria di superiorità nei confronti dell’artista, di individui che arrivano anche alla morte, sempre con l’assoluta mancanza della Consapevolezza che l’artista è nel settore dell’arte che è proprio il settore Supremo dell’Intelligenza. La sfera dal 2005 riflette tutto e tutti anche chi non ne è consapevole, come chi sta leggendo per la prima volta l’esistenza di questo lavoro artistico, rifletterà i figli e i figli dei figli per sempre anche se non lo sapranno, si può comprendere il Significato di Tempo, il fatto che riguarda tutti anche se è impercepibile.....”
__________________________________________
SPIEGAZIONI cielo Umano. Oltre la Pelle e il Tempo.
Questi lavori sono eseguiti da Giacomo con una tecnica personale, basata scientificamente sulle più antiche pitture mai ritrovate nella storia dell’Uomo.
“L’Origine dell’Arte l’Origine dell’Intelligenza l’Origine dell’Uomo il Bambino.”
” Questi Elementi sono cieli di Umanità, il Bambino che scopre cieli bellissimi, la sua fiducia, i suoi desideri...”
/ Scritto di GIACOMO da studi su Pitture preistoriche su roccia di Kurt Herberts 1959 e altri testi del 2016. /
Per un Fare Puro si potrebbe pensare di stendere il pigmento puro direttamente sulla pietra, invece dalle pitture preistoriche su roccia che si sono conservate in distanze astronomiche ti tempo come le pitture di Altamira che si attribuiscono all’età del ghiaccio, a migliaia di anni fa, fra il 21.000 e il 13.000 a.C. , è stato studiato e dimostrato nelle ricostruzioni della tecnica, che i colori aderivano bene alla roccia quando erano disciolti solo in acqua. Si ritiene probabile che venissero usati anche sangue, miele, latte e grassi animali che a differenza dell’acqua non possono aver avuto una funzione decisiva nella conservazione dei dipinti, oltre al fatto che il grasso aderisce difficilmente alla roccia umida e il sangue annerisce. Applicare il pigmento puro con l’Acqua sulla roccia primaria è una tecnica pura senza medium e la migliore, non solo perché l’Acqua è un elemento puro e originario della natura stessa ma perché l’Acqua è un non medium che evapora e scompare ma permette la migliore pura aderenza del colore alla roccia e la conservazione del dipinto su roccia per migliaia di anni, sia su roccia primaria umida riparata in grotta che esposta asciutta.
( Il Marmo può essere appeso direttamente al muro con fori posteriori profondi 6 mm su Marmo 1 cm, profondi 1 cm su Marmo 2 cm, oppure Giacomo fissa il Marmo su un compensato di dimensioni inferiori al Marmo stesso, quindi a parete si vede solo il Marmo sospeso, cioè distanziato dalla parete. Il Marmo di questa immagine è fissato sospeso alla parete posteriore di una teca con il vetro, teca preparata a gesso da Giacomo e dipinta con uno speciale acrilico oro pregiato che riflette con la Luce trasformandosi, passando da un colore grigio chiaro che va a Significare la Luna, ad un colore oro chiaro a Significare il Sole.)