Premio Combat Prize

Francesco Levy - Premio Combat Prize

OPERA IN CONCORSO | Sezione Fotografia

 | ”No title” from the series ”Azimuths of Celestial Bodies”

”No title” from the series ”Azimuths of Celestial Bodies”
fotografia digitale, epson natural cold press photo paper
100x100

Francesco Levy

nato/a a Livorno
residenza di lavoro/studio: Livorno, ITALIA


iscritto/a dal 10 apr 2018


Under 35

http://cargocollective.com/francescolevy


visualizzazioni: 164

SHARE THIS

Altre opere

 | ”No title” from the series ”Azimuths of Celestial Bodies”

”No title” from the series ”Azimuths of Celestial Bodies”
fotografiacollage digitale, epson natural cold press photo paper
13x18

 | ”No title” from the series ”Azimuths of Celestial Bodies”

”No title” from the series ”Azimuths of Celestial Bodies”
fotografia digitale, epson natural cold press photo paper
50x50

 | ”No title” from the series ”Azimuths of Celestial Bodies”

”No title” from the series ”Azimuths of Celestial Bodies”
fotografia digitale, epson natural cold press photo paper
30x30

Descrizione Opera / Biografia


L’opera fa parte della serie ”Azimuths of Celestial Bodies”.
Concept
Ci sono molti modi per raccontare una storia ed altrettanti per mentire nel farlo.
Il mio lavoro si e sviluppato come un viaggio all’interno delle storie e delle persone che hanno formato il mio nucleo familiare e di come tutto questo metaforico fiume di vite sia adesso confluito in me, che sono (per adesso) l’ultimo della mia stirpe.
Le grandi guerre che hanno sconvolto il continente europeo durante lo scorso secolo, sono il filo conduttore, il sottofondo amaro, la causa prima delle migrazioni che hanno permesso l’intreccio di queste storie.
Un discorso sulla discendenza, collegando quello che era con quello che e; una restituzione dei ricordi che sono giunti a me, che ho fatto miei e che reinterpreto liberamente. Un diario per immagini, la topografia illustrata di un viaggio autobiografico per esplorare la mia geografia.
Biografia
Italian photographer, b. 1990
Nel 2009 si trasferisce a Venezia dove frequenta l’Accademia di Belle Arti con indirizzo -Nuove tecnologie dell’Arte-. Nel 2013 si laurea con una tesi in estetica dei new media. Dal 2013 al 2016 ha frequentato il corso triennale di fotografia alla Fondazione Studio Marangoni di Firenze dove ha conseguito il diploma ed ha vinto la borsa di studio ex aequo come miglior studente del triennio.
Nel 2017 espone a Milano nella seconda edizione dell’International Photo Project curata da Elio Grazioli, viene selezionato come uno dei sette fotografi under 35 finalisti di LOOP | Giovane Fotografia Italiana nell’ambito del festival Fotografia Europea, è uno dei dieci finalisti del Premio Celeste | Visible White Photo Prize curato da Laura Serani, partecipa alla mostra collettiva “Questioni di Famiglie” negli spazi del CIFA di Bibbiena e viene selezionato come uno degli otto artisti italiani che parteciperanno alla prossima edizione della biennale d’arte contemporanea JCE Jeune Création Européenne, inaugurata l’11 Ottobre a Montrouge, Parigi.
A dicembre il suo lavoro, insieme a quello di altri 9 fotografi italiani ha fatto parte della mostra ”Mala yerba” curata da Alain Cabrera Fernandez, Elio Grazioli ed Alessandro Malerba, nella sala principale della Fototeca de Cuba in occasione della ”Settimana della Cultura” organizzata dall’Ambasciata Italiana a L’Avana. A Marzo 2018 viene invitato dall’Istituto Italiano di Cultura di Parigi per un progetto di residenza durante il quale sviluppa il progetto ”Random Notes for a Necessary Urban Planning”, esposto negli spazi dell’Istituto in una mostra personale a cura di Laura Serani.
Vive e lavora in Toscana.