Premio Combat Prize

Davide Sgambaro - Premio Combat Prize

OPERA IN CONCORSO | Sezione Scultura/Installazione

 | Padre, perdonali perché non sanno quello che fanno

Padre, perdonali perché non sanno quello che fanno
ready made, skydacer di recupero
300x300

Davide Sgambaro

nato/a a Cittadella
residenza di lavoro/studio: Cittadella, ITALIA


iscritto/a dal 24 mar 2017


Under 35

http://cargocollective.com/davidesgambaro


visualizzazioni: 967

SHARE THIS

Altre opere

 | Carnem Levare

Carnem Levare
installazione, coriandoli di carta stagnola usata
100x100

 | I believe in my stuff only at night

I believe in my stuff only at night
installazione led, muro
180x140

 | Scomposizione di una lacrima mentre forma un’ombra prima dello schianto a terra. Si appoggia. #1

Scomposizione di una lacrima mentre forma un’ombra prima dello schianto a terra. Si appoggia. #1
matita su carta, carta
10x18

Descrizione Opera / Biografia


Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno consiste in uno skydancer rosso incastrato nello spazio espositivo che si dimena inutilmente in un lamento violento e molto rumoroso. Lo skydancer è un pupazzo gonfiabile nato negli USA ed utilizzato principalmente dalle attività commerciali per attirare l’attenzione dei passanti o per sponsorizzarsi con stampe di loghi o slogan. L’artista ha recuperato il gonfiabile da un’azienda Veneta fallita nel 2013, l’oggetto è stato riparato dagli squarci e ricontestualizzato nello spazio come performer di se stesso. Lo skydancer diventa quindi testimonianza del suo passato tragico tramite il casuale dimenarsi influenzato dai rattoppamenti apportati nel restauro: l’aria gonfia il pupazzo ed esce dalle fessure facendogli perdere pressione e determinandone quindi il movimento. Il gonfiabile, alto 5 metri, è posto volontariamente in uno spazio molto più piccolo in modo che si incastri e crei una sensazione claustrofobica. Questo lavoro è inizialmente molto ironico, al primo sguardo diverte date anche le sembianze umane dello skydancer, ed in un secondo momento inquieta con la sua potenza sfiorando lo spettatore con il suo tessuto leggero e con l’aria che esce dalle cavità.
Lo skydancer si usurerà grattando sul soffitto ed entrando in collisione con le pareti, e nel tempo si autodistruggerà formando infine un monumento funebre di aria e brandelli di tessuto che documenterà la morte definitiva del performer-oggetto richiamandone il destino del luogo che rappresentò.
Davide Sgambaro è nato a Cittadella (PD) il 31.08.1989, vive e lavora tra Mantova e Parigi.